“Il Comune di Latina? Una casa dai vetri oscurati”

357
Alcuni esponenti di Movimento Latina

In un comunicato stampa Movimento Latina attacca il sindaco Damiano Coletta e la sua maggioranza colpevole di aver tradito la trasparenza promessa.

“Durante la passata campagna elettorale – si legge nella nota a firma dell’avvocato Massimiliano Bruno -, Latina Bene Comune voleva fare della trasparenza il principio guida dell’amministrazione comunale, puntando ad andare oltre il semplice adempimento di legge. In fondo Coletta – anche utilizzando un copia e incolla del programma politico sulla trasparenza di Movimento Latina che prima di chiunque altro aveva pubblicato il suo documento in rete – non stava inventando nulla di nuovo”.

Per Movimento Latina dalla legge 241 del 1990 in poi sono stati numerosi gli interventi legislativi nella direzione della massima disponibilità da parte dei cittadini di informazioni sul come la cosa pubblica venga amministrata. “L’efficace metafora della ‘casa di vetro’ – spiega il movimento –  rendeva bene l’obiettivo di Lbc, prometteva ai cittadini un rapporto con la pubblica amministrazione fin lì sconosciuta ai cittadini latinensi. Una casa di vetro che nulla sarebbe costata alle casse comunali e che avrebbe dato nuove opportunità alla cittadinanza”. E invece che cosa è successo? “I cittadini di Latina devono sapere che della trasparenza nella nostra città – afferma Bruno – non v’è traccia alcuna. Anzi, essa è sempre più un miraggio, una speranza illusoria, una falsa promessa che ha tratto in inganno gli elettori nell’ultima competizione elettorale. Il palese disorientamento che sta caratterizzando i primi mesi della nuova amministrazione sta lasciando per strada ogni buona intenzione, compresa purtroppo la trasparenza del suo operato”.

Movimento Latina riferisce di aver ricevuto, in questi giorni, diverse segnalazioni di cittadini che avendo fatto richiesta di accesso agli atti del Comune non hanno avuto alcun riscontro. “Un tacito ed immotivato rifiuto – si legge nel comunicato -. Richieste quanto mai legittime che non vengono prese in considerazione e che interessano i cittadini di Latina nel momento in cui è messa a repentaglio la loro stessa incolumità fisica. Ad esempio ci si riferisce allo stato di abbandono e degrado delle passerelle in legno per l’accesso alla spiaggia pubblica di Strada Lungomare e di marciapiedi dissestati che, divenute vere e proprie trappole, sono state la causa di gravi infortuni”.

A questo punto, Movimento Latina pone alcuni interrogativi: “Perché l’Amministrazione Comunale tace e di fatto rifiuta di fornire spiegazioni su una questione così importante quale la manutenzione delle strutture pubbliche? E perché, viste le numerose contestazioni, denunce e costituzioni in mora per sinistri accaduti a causa dell’omessa manutenzione o mancato controllo delle condizioni di sicurezza o mancata apposizione di alcun tipo di segnale di pericolo, il Comune persiste nel non rispondere?”. La conclusione è che “basta poco, evidentemente, per oscurare i vetri della casa abitata da Coletta e dai suoi, basta non rispondere”. “Alla faccia del rapporto di collaborazione con i cittadini che Lbc voleva instaurare – attacca il movimento -. Saranno anche neofiti della politica, ma i membri della nuova amministrazione hanno già imparato bene a stracciare gli slogan della campagna elettorale, come già successo anche con i commercianti del centro storico di Latina, traditi clamorosamente da chi invece aveva garantito loro un sostegno”.

“Ad onor del vero – conclude l’avvocato Bruno -, un Comune corretto e trasparente dovrebbe essere in grado di rendere i suoi cittadini consapevoli, partecipi della vita comune, attivi nel chiedere ciò a cui hanno diritto e fiduciosi di ottenere una risposta corretta in tempi ragionevoli. Diritti questi, completamente violati e negati. La trasparenza è una cosa seria. Sia realmente pratica e non solo slogan ad effetto. Ed i cittadini sono già stanchi di essere presi in giro”

LE VOSTRE OPINIONI

commenti