La grinta del baby Coppolaro: “Nessuna paura, battiamo il Pisa!”

127

Arrivato nel rush finale di mercato in nome del vecchio feeling con l’Udinese e con il suo direttore “pontino” Andrea Carnevale, Mauro Coppolaro si è pian piano ritagliato uno spazio importante nell’organico nerazzurro, tanto da consentire a mister Vivarini il lusso di parcheggiare in panchina il convalescente Garcia Tena. Il mastino di Benevento, nato nel marzo del 1997, ha dunque aggiunto le sue prime apparizioni in nerazzurro alle svariate presenze  nelle nazionali giovanili e ai cinque “gettoni” raccolti in B quando era appena 17enne, ai tempi della Reggina. Ha dimostrato personalità in campo e l’ha confermata anche davanti a microfoni e taccuini, nonostante il momento delicato che sta attraversando la sua squadra.

NON E’ TUTTO DA BUTTARE NEL KO DI CARPI

Per Coppolaro la spedizione al “Cabassi” non è tutta da buttare: “Non abbiamo fatto tanto male, la partita ce la siamo giocata e meritavamo qualcosa di più, soprattutto considerando che i loro gol sono arrivati su nostre disattenzioni. Abbiamo avuto difficoltà contro un avversario molto forte a centrocampo e abbiamo sbagliato l’approccio iniziale, poi però abbiamo reagito anche se non siamo riusciti ad andare a segno”.

A LATINA PER METTERMI IN GIOCO

Il difensore ha spiegato la sua scelta e le sue aspirazioni: “Sono venuto qui per mettermi in gioco e per cercare di guadagnarmi il posto, adattandomi alle indicazioni del mister: gioco dove vuole lui, non cambia tanto per me il modulo”. L’impressione è che l’Udinese lo riporterà in prima squadra già a partire dalla prossima stagione: per i friulani il ragazzo rappresenta un notevole investimento, un potenziale protagonista soffiato a suo tempo alla concorrenza della Fiorentina.

CONTRO IL PISA SARA’ DURA, MA CE LA FAREMO

La delusione per la prova di Carpi e i mugugni dell’ambiente hanno indotto la società a optare nuovamente per la misura delle porte chiuse: a partire da domani il Latina si allenerà in un’ex Fulgorcavi blindata, allo scopo di fare quadrato e trovare la giusta concentrazione in vista del match di sabato pomeriggio al Francioni contro il Pisa di Gattuso. Per Coppolaro la prossima sarà una sfida da vincere, a tutti i costi: “Bisogna fare punti, partendo dal presupposto che non siamo stati inferiori a nessuno: l’importante sarà eliminare certe leggerezze e rimanere tranquilli stando uniti e aiutandoci l’uno con l’altro. Contro il Pisa sarà dura, è un avversario tosto e molto aggressivo. Noi però non dobbiamo avere paura di niente, dobbiamo entrare in campo e vincere la partita, e basta!”

LE VOSTRE OPINIONI

commenti