Sabaudia, Workshop dell’Artiglieria Controaerei dell’Esercito sul futuro della specialità

160

Si è concluso oggi, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Generale di Corpo d’Armata Danilo Errico, il workshop organizzato dal Comando Artiglieria Controaerei di Sabaudia, iniziato lo scorso 14 novembre con l’obiettivo di fornire un punto di situazione sulle odierne capacità esprimibili dalla specialità per poi allargare lo sguardo alle sfide che nel medio e lungo periodo attendono la Forza Armata e per le quali l’Artiglieria Controaerei sarà chiamata a fornire un supporto adeguato e sempre più aderente alle forze di manovra.

I tavoli tecnici costituiti nell’ambito del citato workshop, costituiti da esperti provenienti da vari settori della Forza Armata, hanno elaborato proposte concrete da sottoporre alla valutazione del Vertice di F.A. circa lo sviluppo futuro della specialità. Gli argomenti trattati sono stati di ampio respiro: dall’analisi delle nuove possibili minacce provenienti dalla terza dimensione fino all’organizzazione delle risorse umane e materiali per rendere l’Artiglieria Controaerei uno strumento ancora più efficace e flessibile. Alla presenza del Generale Errico, sono state illustrate le conclusioni dei vari gruppi di lavoro ed il Comandante dell’Artiglieria Controaerei, Generale di Brigata Bernardo Barbarotto, ha ripercorso le tappe di una specialità che, dopo avere festeggiato i suoi primi 100 anni di storia, si pone sempre di più come irrinunciabile risorsa per la Forza Armata. Essa infatti è in grado di fornire reparti non solo perfettamente integrati con gli altri assetti della NATO, come dimostrato dagli attuali impegni operativi e nella recente esercitazione multinazionale svoltasi in Francia nel mese di settembre, ma anche un Posto Comando Specialistico di secondo livello, in grado di gestire uomini e mezzi sul terreno, sia in patria sia all’estero per operazioni ed esercitazioni.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti