Latina, il Teatro D’Annunzio festeggia la riapertura con un concerto di Antonio Pappano e Luigi Piovano

261
Roma, Auditorium Parco della Musica 16 03 2011 Stagione di Musica da Camera Antonio Pappano pianoforte Luigi Piovano violoncello ©Musacchio & Ianniello

Riapre il Teatro D’Annunzio di Latina dopo oltre un anno di lavori. Per l’occasione è stato invitato, segnando così il suo debutto a Latina, Sir Antonio Pappano, Direttore Musicale dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia che, in veste di solista al pianoforte, sarà affiancato da Luigi Piovano, primo violoncello solista della famosa Orchestra romana. Insieme eseguiranno mercoledì 30 novembre alle ore 20.30 le due Sonate per violoncello e pianoforte di Johannes Brahms, la n. 1 in mi minore op. 38 e la n. 2 in fa maggiore op. 99. Il concerto è realizzato con il contributo di Renault Icar.

Durante la chiusura del Teatro le istituzioni musicali e artistiche di Latina, tra le quali il Campus Internazionale di Musica, sono state costrette ad utilizzare altri spazi. Ora il Campus esprime la sua soddisfazione per la ritrovata sede ove poter proseguire la musicale programmazione invernale. All’indomani della certificazione di agibilità redatta da una apposita Commissione di Vigilanza, il Sindaco di Latina Damiano Coletta ha così commentato: «In un momento particolarmente delicato per Latina e per l’Amministrazione, la riapertura del Teatro acquista valenza simbolica, dimostra la capacità e la volontà di questa città di ripartire e sono particolarmente contento che si riparta proprio dal “luogo” della cultura. Era importante avere una risposta oggi per non compromettere la stagione di rappresentazioni, musica e danza, per questo ringrazio la Commissione e gli uffici tecnici che hanno assolto tutti gli adempimenti necessari alla ripresa delle attività del D’Annunzio. Ora procederemo per restituire al più presto alla comunità anche il Teatro Cafaro».

Il Duo Pappano – Piovano si riunisce non più di tre volte l’anno, ospite dei più prestigiosi teatri e istituzioni italiani, tra i quali recentemente l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, gli Amici della Musica di Firenze e di Perugia, le Serate Musicali di Milano, il Teatro Grande di Brescia, il Teatro delle Muse di Ancona, Ravello Festival, Noto Festival e il Teatro Lauro Rossi di Macerata.

Brahms ha scritto soltanto due volte nella sua vita per il violoncello solista accompagnato dal pianoforte e venti sono gli anni che dividono la composizione della Prima sonata dalla Seconda. E’ nel 1862 che Brahms pensa ai primi due movimenti della Sonata n. 1, portati però a termine, con l’aggiunta di un terzo, soltanto nell’inverno del 1865 a Karlsruhe, riscuotendo un successo di pubblico immediato. L’opera era stata dedicata all’amico violoncellista Josef Gänsbacher, un omaggio al suo talento ma anche al violoncello, uno strumento che Brahms amava moltissimo per le sue sonorità ampie, calde, che si accordavano in modo maturale all’espressività brahmsiana. Fu subito riconosciuto a questo capolavoro un carattere “pastorale” – tanto che proprio come “Sonata pastorale” è spesso anche indicata -, per la sua semplicità di struttura, la sua freschezza e spontaneità. La Seconda sonata arrivò invece soltanto nell’estate del 1896, un anno fecondissimo per Brahms, ispirata dalle acque del lago di Thun, nel cantone svizzero di Berna, ove il compositore amava spesso soggiornare. La sua prima esecuzione pubblica ebbe luogo a Vienna il 24 novembre successivo, con lo stesso Brahms al pianoforte.

Costo biglietti: Platea 30€, Galleria 25€ Prevendita 2€

Il biglietti possono essere acquistati presso i punti vendita del circuito Boxoffice Lazio (l’elenco è consultabile sul sito www.boxofficelazio.it).  A Latina presso Amadeuservice, in Via Neghelli 3/5, e Bluticket presso il centro commerciale Latina Fiori e la tabaccheria il Toscano, in via della Stazione 184).

Info: Fondazione Campus Internazionale di Musica, Via Varsavia, 31 – 04100 Latina, tel. 0773 605551 www.campusmusica.it; info@campusmusica.it,

LE VOSTRE OPINIONI

commenti