Latina, Opera Prima Teatro avanti con gli spettacoli: dalla danza poetica di Stefano Fardelli alla fiaba di Cappuccetto Rosso

100

Proseguono le proposte di Opera Prima Teatro nell’ambito della rassegna “Emergenze e Dintorni della scena”, giunta quest’anno alla decima edizione e organizzata in collaborazione con ATCL, MIBACT, e Regione Lazio per la Cultura.

Sabato 3 dicembre, alle ore 21, la struttura di via dei Cappuccini 76 a Latina farà da cornice alle suggestioni poetiche della danza di Stefano Fardelli protagonista dello spettacolo “Namu e Svarupa – vyakta”, inserito nella rassegna “Recitar Danzando 2016-2017” dell’ATCL. Stefano Fardelli nasce a Genova nell’ottobre 1983. Nel 2004 si diploma presso l’accademia M.A.S., sotto la direzione artistica di Susanna Beltrami a Milano; successivamente studia e si perfeziona presso altri centri coreografici e compagnie residenti in Europa. Tra le collaborazioni nazionali e internazionali ricordiamo l’Opera di Berlino, BBc e The Place (Uk), Opera Reale Filandese, Compagnia Aleph, Les Gens d’Uterpan, English National Opera, Benedetta Capanna ecc..Tutte le sue produzioni sono supportate dall’Associazione Culturale Compagnia Excursus Onlus la quale è sostenuta dai Beni Culturali. Lo spettacolo di Fardelli si compone di due momenti: il primo, “Namu” con musica originale di Francesco Ziello, prende le mosse da un viaggio che il coreografo e ballerino ha fatto in Birmania, intento a sperimentare il significato e la connessione tra la spiritualità e il rito attraverso il movimento. Gli incontri con i monaci buddisti e gli studenti di arti marziali e lo studio delle loro pratiche e cerimonie sono la base della stesura e della rielaborazione coreografica. Lo spettacolo inizia con il danzatore al centro di un mandala . Liberandosi, la danza trova una sua dinamica tra leggerezza, forza e semplicità, rompendo il mandala e lasciando a terra le tracce del suo passaggio in quel luogo.

Il secondo blocco prende il nome di “Svarupa – vyakta” che significa “il Se” e trae ispirazione da un altro viaggio, questa volta in India. L’impostazione scenica è essenziale: un danzatore, 5 palloncini. “L’immagine che mi ha suggerito questa coreografia – ha dichiarato il danzatore – è nata a Varanasi la quale sorge su una sponda del fiume Gange”. La coreografia si fonda sulla dialettica tra il danzatore e i palloncini, che rappresentano la proiezione del “Se”.

Domenica 4 dicembre, alle ore 17,30, le tavole del palcoscenico di Opera Prima Teatro sosterranno le due punte della Compagnia Atacama Teatro che ci farà rivivere una delle favole più amate dai bambini, “Cappuccetto Rosso”. Con la coreografia e la regia di Patrizia Cavola e Ivan Truol, le danzatrici Stefania Di Donato, Valeria Loprieno e Cristina Meloro, affascineranno grandi e piccini fondendo la danza, elaborata nella sua fisicità poetica, ad un lavoro di costruzione pittorico e visionario sull’immagine, all’uso della parola e del suono, all‘interazione con le musiche originali. La voce registrata di Alessandro Fabrizi ci condurrà attraverso un viaggio nel quale vivere numerose esperienze: “incontrare il lupo, disobbedire, aprirsi alle possibilità che scaturiscono dal percorrere strade altre, errare per sentieri sconosciuti e interrotti, procedere verso la meta dello svelamento del sé attraverso un continuo sviamento, una irriducibile erranza”. Uno spettacolo di teatrodanza per tutte le età, ispirato alla fiaba di Cappuccetto Rosso, “occasione – si legge ancora nelle note di regia – per esplorare il contrasto tra il mondo luminoso e sicuro del villaggio e quello oscuro e insidioso della foresta. Andare nel bosco come metafora del percorso che ogni individuo deve affrontare per crescere, lasciando la sicurezza dell’infanzia per divenire adulto. Sviluppare il proprio essere attraverso il  passaggio nella foresta del proprio lato oscuro e nel caso di Cappuccetto rosso, nella profonda e oscura foresta della femminilità. Andare nel bosco perché la vita abbia inizio”.

Il costo del biglietti di ingresso per il singolo spettacolo è di 10 euro. Per info e prenotazioni 347.3863742- 347.7179808.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti