Sequestrati una tonnellata di hashish e un chilo di cocaina, quattro fermi ad Aprilia

A distanza di poche ore dal blitz dei carabinieri nell’appartamento di via delle Mele, un’altra maxi operazione antidroga ha interessato Aprilia. La Polizia di Stato ha posto sotto sequestro, nel pomeriggio di oggi, 960 chili di hashish, più di un chilo di cocaina, alcuni grammi di marijuana, e oltre 100mila euro in contanti, rinvenuti all’interno di un’abitazione alla periferia della città, in via Apriliana. L’intervento congiunto della Squadra Mobile di Latina e della Squadra Mobile di Roma ha portato all’arresto di quattro marocchini.

L’operazione ha preso il via già in mattinata nel quartiere romano di Centocelle dove, gli agenti impegnati in una mirata attività di contrasto al traffico delle sostanze stupefacenti hanno notato un cittadino magrebino assumere atteggiamenti particolari, destando loro dei sospetti motivo per cui hanno deciso di seguire l’uomo in tutti i suoi spostamenti, effettuando un lungo e complesso pedinamento che li ha condotti in provincia di Latina.

L’uomo attenzionato, giunto al volante di un’utilitaria, è entrato nel casolare di via Due Case, traversa di via Apriliana, la strada che mette in collegamento diverse borgate dell’area a Nord di Aprilia. A questo punto gli investigati hanno deciso di intervenire. Dopo aver accerchiato il luogo, al fine di evitare fughe e possibili dispersioni della sostanza, che ritenevano potesse celarsi all’interno di quel casolare, hanno fatto irruzione bloccando all’interno quattro soggetti, compreso quello che stavano seguendo sin dalla mattina.

L’ingente quantitativo di hashish, la cocaina e l’importante somma di denaro contante, in taglio da 5 a 500 euro, sono stati rinvenuti all’interno di un armadio. I quattro arrestati, identificati per Khalid Safaoui, 31 anni, Hamid Safaoui, 25 anni, Hamid Jendoubi, 48 anni e Brahim Jlil, di 42 anni, tutti di nazionalità marocchina, sono stati portati nel carcere di Latina dove restano a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Le foto degli arrestati e dell’operazione

Questo slideshow richiede JavaScript.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti