Un altro tassello per Vivarini: ha firmato Di Matteo

442

Nella sgambatura  con il Castello 2000 la “sua” fascia sinistra era stata presa in consegna dal baby Nelson. Per la nuova partitella programmata per domenica, però,  Luca Di Matteo potrà finalmente rispondere presente, piccoli malanni permettendo. La società ha annunciato infatti di averlo ingaggiato con un contratto annuale: arrivato il definitivo svincolo dalla Virtus Lanciano, l’esterno ha potuto finalmente pronunciare il fatidico “si”.
“NON VEDEVO L’ORA!”

Il pescarese ha rilasciato subito queste dichiarazioni “Sinceramente non vedevo l’ora che arrivasse l’ufficialità. Sono sereno e felice, spero vivamente di ripagare la fiducia di tutti, dalla società al mister passando per il direttore per arrivare ai tifosi dai quali spero di farmi apprezzare. L’unica nota negativa, se così possiamo chiamarla, è un piccolo fastidio che finora non mi ha permesso di allenarmi a pieno regime: confido, comunque, di poter lavorare al top tra qualche giorno. Personalmente ho molta voglia di riscattare la scorsa annata, che per tanti motivi non è stata positiva: non c’è delusione peggiore che retrocedere per situazioni esterne al campo, dopo aver conquistato una salvezza con prestazioni e risultati. Nel calcio, come nella vita, bisogna sempre guardare a presente e futuro: per quanto mi riguarda l’attualità si chiama Latina. Da questi primi giorni di lavoro sono rimasto colpito positivamente, c’è un gruppo unito e compatto, si lavora duramente ma sempre nella massima tranquillità: è stato facile ambientarmi e per questo ringrazio i compagni che mi hanno fatto sentire subito a casa. Il mio obiettivo è quello di lavorare per raggiungere la forma migliore e mettermi a disposizione del mister. Con Vivarini ho lavorato a Teramo, anche lì dopo aver vinto un campionato meritatamente sono stato privato di quello che avevo conquistato per questioni esterne al campo. Il mister lo conosco bene, so quello che vuole: fa giocare bene le sue squadre, ha la mentalità vincente, è una persona positiva e sa trasmettere la sua positività al gruppo”.

 

TONTI, DEBUTTO DA APPLAUSI

Oltre al poker di uno scatenato Paponi, la prima partita stagionale è servita a scoprire le qualità di un nuovo arrivato chiamato ad affiancare Carlo Pinsoglio nel lotto dei portieri nerazzurri. Con almeno quattro prodigiosi interventi, infatti, Alessandro Tonti ha strappato tanti applausi alla platea presente al “Patini” nel difendere la porta dei dilettanti del Castello 2000: “Il mister mi ha chiesto di giocare un tempo con loro e di dare il massimo puntando tutto su un’elevata intensità. E’ andata bene ma siamo solo all’inizio, lavorerò sodo per migliorarmi anche nei piccoli dettagli, voglio farmi trovare pronto se dovesse servire il mio contributo”.

tonti

UNA SANA RIVALITA’, CON IL SORRISO

Per nulla rassegnato al ruolo di vice, Tonti ha parlato in questi termini del collega arrivato dalla Juventus: “Carlo è un ottimo ragazzo, come del resto Daniele Cardelli, un giovane molto promettente. La nostra è una sana rivalità vissuta sempre con il sorriso, un aspetto sul quale punta molto il nostro preparatore Fabrizio Zambardi. Io sono qui per crescere e migliorarmi, Teramo mi ha dato tanto ma ora voglio pensare solo al Latina e a questa grande opportunità che mi è stata offerta”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti