Annonario di Latina a pezzi, Marchiella sollecita Coletta: “Si decida subito sulla sede”

425

Il Mercato Annonario di Latina vive nella totale incertezza e in un preoccupante stato di abbandono. E’ quanto denunciato dal consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Andrea Marchiella, in seguito ad una riunione con gli operatori di via Don Minzoni. Lo stabile è alle prese da tempo con infiltrazioni dal soffitto, perdite d’acqua nei box, mancanza di  pavimentazione, fogne popolate dai ratti, pareti in cartongesso ormai ridotte a brandelli. Per questo serve una risposta definitiva da parte dell’amministrazione, chiamata a decidere una volta per tutte su un pezzo di storia della città: si punterà a ristrutturare l’attuale sede provvisoria oppure si opterà per un ritorno all’edificio originario, in via Don Morosini? Per ottenere una replica definitiva Marchiella ha richiesto a nome degli operatori un incontro con il sindaco, l’assessore ai Lavori Pubblici e l’assessore al Commercio.

UN PERICOLO PER COMMERCIANTI E CLIENTI

La richiesta di un incontro è stata fatta per conto di tutti gli operatori del Mercato Annonario, dirottati da anni nella “presunta” sede provvisoria dei capannoni dell’ex Consorzio. In una nota sottoscritta da tutti i titolari è stata elencata una serie di spiacevoli dettagli che rende a dir poco pericoloso l’edificio, sia per i negozianti sia per la loro clientela.

IL REBUS DEI CORSI ANTINCENDIO

L’esponente di Fratelli d’Italia ha anche evidenziato un aspetto a dir poco contraddittorio legato alla sicurezza: “Gli operatori sono stati invitati a frequentare i corsi antincendio ma risponderanno solo relativamente alla loro attività: non è con l’iniziativa dei privati che si coprono delle lacune di carattere esclusivamente amministrativo!L’Annonario è del Comune, spetta quindi al Comune attribuire tale responsabilità ad un suo delegato munito di apposita qualifica derivante dal corso stesso”.

marchiellaSERVE UN DELEGATO DEL COMUNE

Durante la riunione i commercianti hanno ricordato anche l’esigenza di presidiare lo stabile e garantire la pulizia dei servizi igienici per l’intero arco della mattinata e non solo fino alle 10 del mattino: “Mi occupai personalmente di tale richiesta – ha precisato Marchiella – protocollata lo scorso 12 maggio presso l’Ufficio Attività Produttive. A quella comunicazione non è seguita alcuna risposta, ma a questo punto gli operatori non sono più disposti a tollerare ulteriori silenzi. Insisto quindi per la convocazione di un incontro risolutivo, durante il quale l’amministrazione chiarisca quali sono le sue intenzioni senza tergiversare ulteriormente”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti