Serie A, calcio a 5 femminile, la Vis Fondi non ruggisce

432

Era la partita tanto attesa dalla Vis Fondi, dai suoi tifosi e dal pubblico tutto. Vis Fondi – Coppa D’oro giocata domenica 11 dicembre è stato un tripudio di tifosi, con a capo i BullDog, di spettatori, di colori, ma non di goal. Il risultato finale di 1 a 1 infatti è stato esiguo, ed ha premiato solo le ospiti. La classifica in questo momento sorride solo all’Angelana che, tra le due “litiganti” gode, infatti vincendo contro la Virtus Fenice le scavalca e si porta in vetta con 25 punti, ad uno di distanza. Con questa giornata la Vis conclude il girone di andata del campionato di Serie A, che riprenderà domenica 8 gennaio, proprio contro l’Angelana. La cronaca del match vede il primo tempo abbastanza noioso. Le squadre si studiano fin troppo. La verve delle giovani fondane viene tenuta a bada dalle mature giocatrici della Coppa D’Oro. Nei secondi 20 minuti si intravede altro. Vanno in vantaggio le romane con un goal aiutato da una mancata marcatura rossoblu. Tempo pochi minuti e Marika Colantuono (foto sopra), il capitano della Vis, imbeccata da Ilaria Palomba, mette in rete un tiro carico di speranza ed energia. Non basta, come spesso capita in casa alle ragazze di mister Cibelli. Triplice fischio finale inclemente, forse fin troppo. Domenica si riposa in attesa dei risultati delle dirette concorrenti, per capire a gennaio che tipo di coraggio ci vorrà per riprendersi la vetta, l’unica cosa che conta. 

«In settimana abbiamo preparato la partita come da copione – dichiara mister Cibelli – schemi, tattiche, dinamiche. Come spesso ci capita il fattore emozioni ci tradisce, non permettendoci di essere definitivamente concentrati, commettendo così anche errori inusuali. Devo dire che le mie ragazze, tutte, anche quelle che erano in panchina e non hanno giocato, piuttosto che quelle infortunate o squalificate sugli spalti, erano molto cariche. Questa volta non abbiamo mollato mai. Non abbiamo lasciato neanche un centimetro alle avversarie che comunque portavano con loro il grande bagaglio di esperienza di anni passati in questa serie. Con questo non voglio dire che al contrario la nostra giovinezza sia stata un handicap, ma molte volte anche l’astuzia è una chiave di lettura necessaria per portare a casa un risultato. Ringrazio tutte le mie ragazze e tutto il mio staff, e soprattutto i tifosi e il pubblico che, mi permetto di dire, per numero e per calore, pochi si possono permettere di avere». Radio ufficiale della squadra: Radio Show Italia. Ascoltala sulla app, oppure su www.radioshowitalia.it.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti