Capodanno “Made in Latina”, l’appello di Acli Terra a ristoratori e famiglie locali

349
Nicola Tavoletta

Acli Terra Latina propone un Capodanno Made in Latina. Per il veglione di San Silvestro la dirigenza ha chiesto a famiglie e ristoratori di inserire nel proprio menù almeno tre prodotti delle aziende agricole, del comparto ittico o delle aziende di trasformazione alimentare pontine. “Proviamo a fare tutti insieme questa prova di promozione per l’economia pontina – ha dichiarato il presidente provinciale e commissario regionale Acli Terra Nicola Tavoletta – orientiamo i nostri budget di spesa verso le casse degli operatori locali così da immettere capitali freschi nell’economia provinciale e promuovere l’economia del chilometro zero e l’eccellenza delle specificità ittica e agroalimentari pontine”

Quella del Km zero è d’altra parte una politica dalle molteplici sfaccettature positive: innanzitutto garantisce la presenza sulla tavola di prodotti genuini, in contrapposizione con l’alimento globale spesso di origine non adeguatamente certificata; il prodotto oltre ad essere più genuino è inoltre più conveniente a livello economico visto che si risparmia sul processo di trasporto. Ad avvantaggiarsi del km zero è poi anche l’ambiente per la riduzione di emissioni nocive e il patrimonio agroalimentare regionale con i prodotti che vengono sempre più conosciuti, consumati e quindi prodotti.

“Consumare prodotti locali significa anche riscoprire la propria identità territoriale attraverso i piatti della tradizione – ha spiegato Tavoletta – ed è un modo per opporsi alla standardizzazione dei cibi che predilige la produttività alla diversificazione. Genitori e ristoratori aclisti si impegnino perché questo capodanno possa diventare uno spot per i produttori pontini. Ne gioveranno le nuove generazioni che in questo settore potrebbero trovare nuovi sbocchi lavorativi senza dimenticare che quella pontina è l’ottava provincia in Italia per numero di prodotti esportati”.

L’appello è stato già accolto e viene sostenuto non solo dal presidente di Acli Terra ma anche dal presidente dell’associazione degli allevatori delle province del Lazio Agostino Mastrogiacomo che ha annunciato la programmazione di attività seminariali a favore della cultura gastronomica del Km zero e del consumo della carne bufalina rispetto ad altre di importazioni.

A tal proposito si ricorda che il prossimo 13 gennaio, presso il centro San Francesco di Fondi, si terrà il seminario “Mangiando s’impara”, organizzato da Acli Terra.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti