Formia, liquami in mare: vasto inquinamento. Il sindaco: d’estate sarebbe stata una catastrofe

Un vasto fenomeno di inquinamento ha interessato questa mattina lo specchio marino della darsena di Mola a Formia. Acque torbide e forti miasmi hanno insospettito i passanti che hanno subito inoltrato la segnalazione al Comune. Il sindaco Sandro Bartolomeo si è immediatamente attivato inviando sul posto il personale tecnico dell’ufficio Manutenzione. Il primo cittadino ha quindi scritto ad Acqualatina e, per conoscenza, alla Guardia Costiera, chiedendo ragguagli circa la natura e la porta del fenomeno, sui tempi e le modalità di ripristino delle originarie condizioni del mare.

Con il personale del Comune sono accorsi sul posto i guardacoste dell’Ufficio Locale Marittimo, i tecnici di Acqualatina e dell’Asl. Dai primi riscontri sembra che l’episodio sia dovuto ad un guasto all’impianto di sollevamento nei pressi della darsena che ha comportato uno sversamento di acque nere direttamente in mare. La Guardia Costiera ha installato dispositivi di contenimento per evitare che il materiale inquinante si diffonda anche all’esterno della darsena. Il personale di Acqualatina è presente sul posto con automezzi, personale tecnico e operai. I lavori di riparazione del guasto proseguiranno nelle prossime ore.

“Stiamo monitorando la situazione – rende noto il sindaco Bartolomeo -. Purtroppo non si tratta del primo episodio che coinvolge la darsena di Mola. Siamo ancora una volta costretti a lamentare la scarsa manutenzione che il gestore garantisce agli impianti. Meno male che è successo d’inverno, d’estate sarebbe stata una catastrofe”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti