Emergenza profughi a Latina, chiesto un Consiglio comunale ad hoc

A distanza di circa un mese, Gianluca Di Cocco, esponente di Idea – Cuori Italiani, torna a parlare dell’emergenza profughi nel territorio di Latina. “Nei giorni scorsi, assieme al segretario Provinciale Enrico Tiero – spiega l’esponente politico – avevamo chiesto al sindaco e all’amministrazione dati certi circa l’accoglienza, ma nessuna risposta è stata fornita (e non solo su queste situazioni) creando tra la popolazione confusione. Da quello che si apprende, infatti, molte zone del territorio stanno già pagando un prezzo altissimo per ospitare gli stranieri tramite una spesa pubblica che va a penalizzare in maniera drammatica i nostri concittadini, in particolar modo le fasce più deboli come gli anziani che non possono permettersi di pagare un affitto così come le giovani coppie e chi perde il lavoro”. Secondo Di Cocco, “il privato che cede al facile guadagno dell’accoglienza mette in difficoltà l’intero quartiere dove si trova la struttura che mette a reddito e rischia di contribuire alla trasformazione della città in un nuovo grande campo profughi”. Di Cocco, quindi, torna a chiedere all’amministrazione comunale una seduta monotematica di Consiglio, per relazionare la città su quale sia la situazione attuale, anche a livello sanitario e che tipo di sinergia sta portando avanti con la Prefettura. “È vero la situazione profughi è competenza del ministero degli Interni, ma il sindaco quale primo cittadino, ha l’obbligo di relazionare si quanto sta succedendo a Latina”, conclude l’esponente di Idea-Cuori Italiani.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti