Inchiesta Tiberio, Ferrazzano e Volpe in silenzio davanti al Gip

564
Il carcere di Latina

Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere Mauro Ferrazzano e Nicola Volpe, in carcere a Latina da lunedì a seguito dell’operazione Tiberio. I due indagati, accusati di corruzione, turbata libertà degli incanti con l’aggravante di associazione a delinquere, davanti al Gip Giuseppe Cario per l’interrogatorio di garanzia hanno scelto di non parlare. “Una decisione più nostra che del nostro assistito – ha spiegato l’avvocato Luigi Di Mambro, difensore insieme a Renato Archidiacono dell’imprenditore nettunense Ferrazano – visto che siamo stati nominati ieri pomeriggio, motivo per cui non abbiamo avuto modo di approfondire il contenuto dell’ordinanza”. La difesa di Volpe, consigliere comunale di Prossedi e imprenditore edile, è affidata all’avvocato Gaetano Marino.

Corruzione a Sperlonga, Cusani in carcere: “Unica misura per fermarlo”

Operazione Tiberio, appalti truccati: 10 arresti in provincia di Latina. I nomi degli indagati

Appalti pilotati, sui Lepini l’inafferrabile Volpe nella rete di Tiberio. Mazzette e tornaconti

LE VOSTRE OPINIONI

commenti