Uno strepitoso Latina asfalta con merito la capolista Verona

Ciak…si ricomicia…e che inizio !!! Riparte il campionato di serie B e il Latina sfida al Francioni il Verona, prima della classe e favorita per il ritorno nella massima serie. Come previsto, esordio tra i nerazzurri di Insigne mentre Bruscagin viene preferito a Nica come esterno basso a destra.

Primo tempo

Partenza col botto dei nerazzurri che concretizzano l’ ottimo inizio con Brosco che al 10′, sugli sviluppi di un corner battuto da Scaglia, fulmina Nicolas con una botta sotto misura. Reazione veemente degli scaligeri con Bessa che all’ 11′ impegna Pinsoglio con un tiro dalla distanza. Si riparte e Corvia, ben lanciato sul filo del fuorigioco, corre solo verso la porta avversaria ma, invece di continuare, calcia debolmente dal limite e per Nicolas è facile bloccare. Inizio pirotecnico con un Latina senza timore reverenziale verso i più quotati avversari, sorpresi dall’ inizio veemente dei nerazzurri. E’ la fascia destra la preferita dai ragazzi di Vivarini, con Bruscagin che spesso riesce a crossare dal fondo, approfittando delle difficoltà difensive di Suoprayen e del fatto che Gomez, schierato a sorpresa al posto di Luppi, non rientra per coprire. Pecchia corre infatti ai ripari, spostando su quella fascia Siligardi e dirottando l’ argentino sulla fascia opposta. Cresce il Verona, pericoloso per ben due volte al 35′ con Pazzini, il bomber arriva con un attimo di ritardo su un cross dalla sinistra di Souprayen e, subito dopo, si libera e, dal limite, calcia di poco fuori. Ma il Latina c’è e al 37′ Insigne parte in contropiede dalla fascia sinistra, si presenta davanti a Nicolas che è strepitoso sul suo tiro a colpo sicuro. Applausi per il nuovo acquisto proveniente dal Napoli che, a differenza di quanto previsto, sta giocando sulla fascia sinistra, con Scaglia che mantiene la sua posizione su quella destra. Ancora pericolosi i pontini al 44′ con Brosco che incorna di poco fuori un pallone calciato da Scaglia su calcio di punizione. Il Latina chiude meritatamente in vantaggio un primo tempo ben giocato con la determinazione e l’ aggressività necessaria per mettere in crisi un avversario tecnicamente superiore.

Secondo tempo

Subito pericolosi gli ospiti al 2′ con il solito Pazzini che, con un tiro di controbalzo dal limite, costringe Pinsoglio a rifugiarsi in corner. Il Latina controlla bene gli avversari e Pecchia decide all’ 11′ di cambiare: dentro Ganz, altra punta centrale che affianca Pazzini e fuori l’ evanescente Gomez, passaggio dal 4-3-3 al 4-4-2 che privilegia le imbucate centrali al gioco sugli esterni. I nerazzurri dopo 20′ cominciano a soffrire sulla fascia destra, dove Insigne non sembra averne più ed è facile per gli scaligeri portare gli affondi con Souprayen e Siligardi. Proprio quest’ ultimo al 27′ scende sulla fascia e mette in area un veleno pallone che, dopo un flipper impazzito, viene rinviato con affanno dalla retroguardia nerazzurra. Rocca per Mariga e Acosty per l’ esausto Insigne sono le carte che Vivarini si gioca per contenere i probabili assalti che nell’ ultimo quarto d’ora il Verona probabilmente porterà. Gli ultimi minuti sono palpitanti, con gli ospiti all’ arrembaggio e il Latina in trincea. Contropiede del Latina al 45′ con Acosty che supera in velocità Bianchetti e serve Boakye che, a porta vuota, realizza il clamoroso raddoppio !!! E’ finita !!! Un grande Latina continua la serie positiva (10 partite senza sconfitte) e supera con pieno merito i grandi favoriti del campionato. Tre punti pesantissimi, sperando che sia solo l’ inizio di un “altro” campionato, meno sofferto e (finalmente) più tranquillo.

LATINA – VERONA 2 – 0

Latina: Pinsoglio, Brosco, Dellafiore, Garcia Tena, Bruscagin, Mariga (dal 28’st Rocca), Bandinelli, Di Matteo, Insigne (dal 33’st Acosty), Scaglia, Corvia (dal 43’st Boakye). A disp.: Tonti, Nica, Coppolaro, De Vitis, Gilberto, D’ Urso. All.: Vivarini.

Verona: Nicolas, Pisano, Bianchetti, Boldor, Souprayen, Romulo (dal 31’st Zuculini), Bessa, Zaccagni (dal 41’st Cappelluzzo), Siligardi, Pazzini, Gomez (dall’ 11’st Ganz). A disp.: Coppola, Troianello, Luppi, Fares, Valoti, Caracciolo.  All: Pecchia.

Arbitro: Abbatista di Molfetta (BA). Assistenti: Prenna di Molfetta (BA) e Bresmes di Bergamo. Quarto uomo: Robilotta di Sala Consilina (SA).

Marcatori: 10′ Brosco (LT), 45’st Boakye (LT).

Ammoniti: Bianchetti (VR), Zuculini (VR).

LE VOSTRE OPINIONI

commenti