Aprilia, nel giorno della memoria il messaggio dell’associazione Un ricordo per la pace

305

Auschwitz_Liberated_January_1945 (1)Con la liberazione della Polonia da parte dell’Armata Rossa, i paesi belligeranti scoprirono lo scempio dei campi di sterminio nazisti, tra i quali quello di Auschwitz il 27 gennaio 1945. A settantadue anni di distanza l’associazione Un ricordo per la pace, presieduta da Elisa Bonacini, tiene vivo il ricordo di quei tragici giorni e rivolge un pensiero a tutti gli apriliani prigionieri di guerra dei nazisti. Un pensiero volto a promuovere tra i giovani la cultura della pace. “Nel corso degli anni- spiega Elisa Bonacini-  poco si è parlato delle centinaia di lager sparsi in tutta Europa dove vennero imprigionati e morirono circa 6 milioni di persone per motivazioni non razziali o religiose, un numero che si avvicina a quello degli ebrei uccisi nel folle piano studiato dall’ideologia nazista. Grazie alle testimonianze di alcuni deportati raccolte dall’Associazione “Un ricordo per la pace” abbiamo la possibilità di comprendere aspetti meno noti della deportazione. L’Associazione apriliana a partire dal 2011 ha realizzato diversi video-documentari con testimonianze di ex deportati non ebrei: tra questi alcuni cittadini apriliani; i filmati sono disponibili gratuitamente per gli Istituti di Istruzione, ma anche per cittadini che ne facciano richiesta all’Associazione. Per contenuti e immagini sono adatti ad un pubblico di qualsiasi età. Poco nel corso degli anni si è parlato delle centinaia di lager sparsi in tutta Europa dove vennero imprigionati milioni di persone per motivazioni non razziali o religiose. Circa 6 milioni di persone non ebree morirono in quei campi e moltissime ne morirono dopo la liberazione, a causa delle malattie contratte in prigionia. I prigionieri morivano a causa di maltrattamenti, di carenze nutrizionali e igieniche che favorirono l’instaurarsi di diverse patologie, tra cui in particolare il tifo e la tubercolosi, o sfiniti anche dalle condizioni disumane del lavoro coatto per l’economia nazista. Tra questi vi erano anche gli Internati Militari Italiani (IMI), i nostri soldati che dopo l’armistizio l’8 settembre 1943 per fedeltà alla Patria rifiutarono di continuare la collaborazione con la Germania e pertanto furono catturati e deportati nei lager, costretti a lavoro coatto. È bene quindi che si ricordino tutte le vittime della barbarie nazista, e non solo nel Giorno della Memoria. Mi rivolgo in particolare alle Istituzioni, alle Scuole, a chi riveste il ruolo educativo dei nostri giovani perché è ai giovani che è affidato il futuro della nostra memoria. Sta alle nuove generazioni essere custodi di quanto tramandato anche attraverso le testimonianze degli ultimi sopravvissuti. Non solo un giorno per ricordare, ma 365 giorni l’anno per impegnarci e lottare contro stupidi pregiudizi ed ogni tipo di discriminazione religiosa, razziale o sessuale . Si insegni ai giovani a partire dalle famiglie il rispetto della vita umana, la capacità di confrontarsi e di chiarirsi pacificamente. Solo attraverso tali valori condivisi può crescere la speranza di un mondo più giusto e solidale, senza più guerra”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti