Latina, omicidio Buonamano: torna in carcere “Romolo” Di Silvio

Giuseppe "Romolo" Di Silvio

Ieri sera a Latina i carabinieri del locale comando stazione congiuntamente alla Squadra Mobile, hanno dato esecuzione all’ordine di custodia cautelare in carcere emesso dalla Corte di Appello di Roma nei confronti di Giuseppe Di Silvio, 51enne nato a Terracina, pluripregiudicato, appartenente all’omonima famiglia nomade del capoluogo pontino. L’uomo, sottoposto al regime degli arresti domiciliari, è tornato in carcere.

Il provvedimento prevede una pena cumulativa di anni 30 di reclusione per i reati di associazione per delinquere, ricettazione, omicidio ed altri con interdizione perpetua dai pubblici uffici e legale durante l’espiazione, nonché la sospensione dall’esercizio della potestà genitoriale.

La condanna per omicidio, a carico di Giuseppe “Romolo” Di Silvio, riguarda l’uccisione di Fabio Buonamano, detto “Bistecca”, avvenuta in via Monte Lupone a Latina il 26 gennaio 2010.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti