Sezze, Matuta Teatro presenta “E’ bello vivere liberi”: Marta Cuscunà in scena all’auditorium Costa

Carla Amici PD Elezioni 2018

Riprendono questo fine settimana gli appuntamenti con la rassegna Scenari Contemporanei, organizzata da Matutateatro, in collaborazione con ATCL (Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio) e Comune di Sezze.

Domenica 5 febbraio, alle ore 18, il palcoscenico dell’Auditorium Mario Costa di Sezze ospiterà lo spettacolo “É bello vivere liberi”, ideato, diretto e interpretato da Marta Cuscunà, una delle giovani attrici più quotate nel panorama teatrale italiano, menzione d’onore come miglior attrice emergente alla 27^edizione del Premio Eleonora Duse, finalista come miglior attrice under 30 al Premio Ubu 2010 e al Premio Virginia Reiter 2011.

Lo spettacolo che porterà in scena a Sezze, vincitore del Premio Scenario Ustica 2009, viene definito come un progetto di teatro civile per un’attrice, 5 burattini e un pupazzo. È infatti ispirato alla biografia di Ondina Peteani, Prima Staffetta Partigiana d’Italia Deportata ad Auschwitz N. 81 672. Ondina che, a soli 17 anni, si accende di un irrefrenabile bisogno di libertà e si scopre incapace di restare a guardare, cosciente e determinata ad agire per cambiare il proprio Paese. Partecipa alla lotta antifascista nella Venezia Giulia, dove la Resistenza inizia prima che nel resto d’Italia grazie alla collaborazione con i gruppi partigiani sloveni nati già nel 1941 per opporsi all’occupazione fascista dei territori Jugoslavi. A 18 anni, Ondina diventa staffetta partigiana e comincia ad affrontare le missioni più impensabili. La sua vicenda però, è stravolta bruscamente nel ’43 quando, appena diciannovenne, viene sprofondata nell’incubo della deportazione nazista. Ma è proprio in questo drammatico momento che Ondina ritrova con ostinata consapevolezza l’unica risposta possibile: Resistenza!

“È bello vivere liberi!” è l’ultima frase che Ondina Peteani ha scritto a poche settimane dalla morte, quando, in ospedale, il medico le chiese di scrivere, a occhi chiusi, la prima frase che le fosse venuta in mente. Ondina, allora, ha scritto quello che sentiva profondamente: amore per la libertà.

Tra le motivazioni della giuria del Premio Scenario Ustica: «È bello vivere liberi restituisce il sapore di una resistenza vissuta al di fuori di ogni celebrazione o irrigidimento retorico. Spettacolo felicemente atipico, coniuga un fresco ed efficace lavoro di narrazione, attento ai piccoli gesti del quotidiano, a stupori di ragazza, con il mestiere del burattinaio, che riprende i propri personaggi, ne soffia via la polvere e li riconsegna, felicemente reinventati, a una comunicazione efficace, archetipica, popolare. In questa ricerca anche l’orrore del lager può essere raccontato, senza che lo spettacolo perda lo straordinario candore e la felicità nel racconto della storia che ancora siamo».

Lo spettacolo si ispira alla biografia di Ondina Peteani scritta dalla storica Anna Di Giannantonio. Ideazione, drammaturgia, regia e interpretazione: Marta Cuscunà. Oggetti di scena: Belinda De Vito. Luci e audio: Marco Rogante. Disegno luci: Claudio “Poldo” Parrino.

Biglietto Unico Spettacolo: € 10. Informazioni e prenotazioni: info@matutateatro.it tel. 3271657348 – 3291099630. www.matutateatro.com

LE VOSTRE OPINIONI

commenti

Celentano Fratelli d'Italia Elezioni 2018