Latina, tutti i premiati della 26esima edizione del “Gatto d’Oro”

512

Sabato 18 febbraio al Biancoro di Latina è andata in scena la 26^ edizione dei Gatti d’oro. Si tratta del premio People inventato tanti anni fa da Virginio Moro, imprenditore del divertimento della notte del capoluogo, che nel tempo ha premiato tutti quei personaggi della provincia pontina che si sono meritati un ‘posto in Paradiso’.

“E’ sempre emozionante premiare chi dà lustro alla nostra città e alla nostra provincia, sta a testimoniare che anche in un momento storico di difficoltà è sempre viva e sforna talenti a ripetizione” ha detto il direttore Virginio Moro e coordinata dall’agenzia Omicron. La premiazione sarà condotta dall’attrice Dana Ferrara e dal giornalista Gian Luca Campagna.

Ma chi sono i Gatti d’oro di questa edizione, che chiaramente sintetizza il 2016 e questo primo scorcio del 2017? Per la medicina premio a Sandro Compagni, che ha ottenuto grandi riconoscimenti nazionali per le avanzate ricerche nel campo del benessere: cosa si cela dietro un dtm? Molti di voi non lo sapranno ma sono la causa più frequente di rimedi contro i dolori orofacciale che è dopo quella odontogena e la seconda condizione muscolo-scheletrica più comune per dolore e disabilità dopo la lombalgia cronica. Lo scopo del suo studio è stato quello di analizzare un gruppo di sportivi maschi che potessero essere affetti da problematiche legate al sistema mandibolare e cranio cervicale. E studiare chiaramente i rimedi per un vero benessere psicofisico. Premio al dottor Agostino Tucciarone, luminare nel suo campo, quello della traumatologia. Sotto le sue mani magiche attrici del cinema e personaggi del mondo dello spettacolo, ma anche uomini di sport, soprattutto calciatori. Pur avendo lavorato tanti anni a Roma, ha deciso di svolgere la sua attività professionale presso l’ICOT di Latina. Non solo, è ideatore di tecniche chirurgiche innovative sul ginocchio, spalla, anca e caviglia.

Premio gatto d’oro per Musica e Letteratura ad Andrea Del Monte: chitarrista, cantautore e compositore, con l’etichetta discografica il disco/libro ‘Caro poeta, caro amico’. Ancora: Romano Battisti per il canottaggio e le sue performance olimpioniche; Stefano Ranucci, presidente, e Sandro Pochesci, allenatore, della squadra di calcio di lega Pro Unicusano Fondi Valerio Bizzarri, atleta di kick boxing che ha guadagnato nel settembre scorso il bronzo ai Mondiali specialità “Light Contact”; il cantante Manuel Finotti che con ‘Essere un essere’ continua la sua crescita professionale dopo il tormentone ‘Stay a Latina’; il trio Matteo Coluzzi, Francesco Paolo Russo, architetti, e Mauro Piva, informatico, per aver vinto il primo premio del concorso Jam “Città di Fondazione Regeneration”, inerente un progetto sulla rigenerazione urbana inserita nel programma di valorizzazione delle Città di Fondazione come luoghi del Contemporaneo; l’imprenditore Lamberto Gravina per l’economia, titolare della Esco Lazio, che ha la paternità di aver realizzato la prima centrale a biogas della regione e di aver abbracciato la green economy; nella sezione cultura il medico e politico Enzo De Amicis, che lo scorso anno ha confezionato il tascabile dal titolo profetico ‘Non ci resta che ridere’ che sferzava col cilicio la classe politica del capoluogo senza distinguo di colori (compreso se stesso); nel campo della Medicina premio a Antonio Carbone, urologo; Graziano Lanzidei, sceneggiatore, e Paolo Toselli, regista, ideatori della fortunata serie web ‘La banda della Migliara’, e oggi protagonisti con Questura e Comune di Latina di un ciclo di incontri con gli studenti degli istituti superiori di Latina, nell’ambito del progetto “LatinaLegale”; l’attrice Serena Iansiti, dopo ‘Centovetrine’, ‘Squadra antimafia’ e il cinema ha poi calcato le scene delle serie tv in ‘Giovane Montalbano’ nel ruolo di Stella Parenti e ne ‘I bastardi di Pizzofalcone’; nel giornalismo premio ad Alessandro Panigutti, direttore del quotidiano Latina editoriale Oggi, storica testata della provincia pontina, primo quotidiano come tiratura del territorio provinciale, che ha saputo resistere agli urti della crisi che ha investito il settore; la sociologa e attrice teatrale Simona Serino, che ha trasformato la sua passione per il teatro in una professione, vincendo nel tempo 4 premi nazionali;  nel settore della bellezza premi alle ragazze che hanno strappato il pass per Miss Italia 2016: a Chiara Vacilotto che nel 2016 ha conquistato la fascia di Miss Tricologica, a Patrjcya Marut, Miss Eleganza Lazio, Alessia Russo, Miss Cinema Lazio; premio Gatto d’oro anche a Chiara Silipo, truccatrice nel mondo del cinema e dello spettacolo.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti