Spareggio salvezza a Terni, i nerazzurri ci credono

Sembra che per i problemi legati alla fideiussione per l’iscrizione al campionato verranno decurtati al Latina altri due punti. Il doloroso “taglio” andrebbe ad aggiungersi ad altre tre lunghezze da spuntare per inadempienze varie. Come se non bastassero il fallimento, l’incognita dell’esercizio provvisorio e le innumerevoli altre ondate del mare di guai in cui versa il sodalizio nerazzurro. Con quale spirito, davanti ad un quadro simile, si affronterà lo spareggio salvezza di Terni? La risposta spetta ai giocatori. E a mister Vivarini.

VIVARINI: “ABBIAMO I MEZZI PER ARRIVARE ALLA SALVEZZA”

Giocare dando il massimo, contro tutto e tutti. Si chiede questo ai nerazzurri, perché solo con questo spirito si potrà sperare di tagliare il traguardo della permanenza tra i cadetti. Anche alla vigilia il tecnico ha evidenziato l’impegno e l’attaccamento mostrati dalla sua truppa: “Abbiamo tante partite davanti, con una continuità di risultati possiamo risollevarci. Pensiamo a fare il nostro lavoro con la massima voglia, cercando di fare leva sui nostri punti di forza per risolvere il nostro problema principale, gli ultimi 30 metri. Abbiamo le potenzialità per arrivare alla salvezza e dobbiamo pensare solo a fare risultato senza fare tabelle di marcia, già a partire dalla gara di Terni, una partita sicuramente alla nostra portata”.

BANDINELLI, RITORNO AL PASSATO

Al cospetto della Ternana, guidata proprio da quel Gautieri che lo scorso anno riuscì a salvare dalla retrocessione il club pontino, il Latina si presenterà con il solito undici. L’unico dubbio riguarda chi prenderà il posto dello squalificato Insigne sul fronte offensivo. Il maggiore indiziato sembra Bandinelli, vista anche l’abbondanza di soluzioni in mediana: il centrocampista tornerebbe quindi a ricoprire il ruolo di esterno mancino, già ricoperto ai tempi della Fiorentina Primavera.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti