Latina, donazione della Comel per ripristinare il decoro di piazza del Popolo

Il sindaco di Latina Damiano Coletta e la Giunta comunale hanno approvato con apposita delibera la proposta di avvio della riqualificazione delle aiuole di Piazza del Popolo presentata dalla Comel. Non si tratta di un intervento che verrà realizzato mediante procedura di sponsorizzazione, come nel caso delle aree a verde di Piazza Roma, oggetto di un avviso pubblico per manifestazione d’interesse, ma di una vera e propria donazione che l’azienda di Latina ha voluto fare al Comune e alla città con l’intento di migliorare l’attuale sistemazione della Piazza e renderla più bella, pulita ed accogliente.

L’intervento è stato concordato con gli uffici comunali competenti anche per rispettare le indicazioni della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio in merito.

La Comel opera a Latina nel campo della commercializzazione e lavorazione di metalli semilavorati di alluminio da quasi cinquant’anni. In tempi più recenti alle attività tradizionali si è aggiunto l’impegno a favore del territorio prestato attraverso il sostegno ad alcune iniziative culturali – tra cui la Galleria Spazio Comel aperta da febbraio 2012 in Via Neghelli e il Premio Comel Vanna Migliorin – col fine di promuovere l’arte contemporanea e il consolidamento del legame tra arte e impresa. Con il medesimo spirito e la volontà di contribuire fattivamente per creare una città più verde e bella ha proposto questa donazione all’Amministrazione Coletta. Gli interventi necessari per il completamento della riqualificazione della piazza avverranno con la stessa procedura di donazione liberale da parte di privati o società.

“Questo e gli altri interventi in itinere – afferma il sindaco Coletta – rappresentano l’avvio di un processo cui stiamo lavorando da diverso tempo e che vede la partecipazione attiva dei cittadini e delle aziende del territorio a supporto dell’azione della nostra Amministrazione per restituire alla città il decoro che merita”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti