Aprilia, AbbVie campione di welfare: migliore azienda nel settore farmaceutico in cui lavorare

829
Lo stabilimento AbbVie di Campoverde ad Aprilia

Se lavori nel settore farmaceutico non potresti desiderare altro che essere un dipendente AbbVie. E’ quanto emerge da un’indagine condotta da Great Place to Work che colloca l’azienda biofarmaceutica al primo posto di questo settore. Un vanto per la provincia di Latina e per gli 800 dipendenti (in Italia AbbVie ne ha in totale 1300) dello stabilimento di Campoverde ad Aprilia che esporta la sua produzione in oltre 110 paesi.

Nella classifica 2017, stilata da Great Place to Work®, AbbVie guadagna cinque posizioni e sale al settimo posto delle migliori aziende in cui lavorare, nella categoria grandi imprese dove si colloca prima tra le aziende del settore biotecnologie e prodotti farmaceutici.

La graduatoria è stata redatta sulla base della vasta indagine condotta da Great Place to Work® sull’ambiente di lavoro nel 2016, a cui hanno partecipato in forma anonima oltre 61.500 collaboratori di 122 aziende. Tra queste 45 sono state selezionate quali Best Workplaces 2017, suddivise nelle diverse categorie. Criteri chiave per sancire le migliori società in cui lavorare  sono fiducia nel management, l’orgoglio per l’attività svolta e per l’azienda di appartenenza e un’ elevata qualità nei rapporti tra colleghi.

“Il significativo avanzamento registrato da AbbVie nella classifica Best Workplaces Italia 2017 rappresenta per noi un risultato importante. E’ un riconoscimento del costante impegno rivolto ad accrescere il benessere dei nostri dipendenti e  creare un ambiente di lavoro stimolante, improntato alla collaborazione e al dialogo” ha commentato l’amministratore delegato di AbbVie Italia Fabrizio Greco. “ Il nostro obiettivo è favorire il lavoro di squadra,  la valorizzazione dei talenti e  la crescita professionale. Abbiamo assicurato complessivamente circa 25.000 ore di formazione per supportare in modo idoneo e personalizzato lo sviluppo professionale di ciascuno. Per un’azienda come AbbVie, la cui mission è avere un impatto significativo sulla vita delle persone, è poi di primaria importanza la salute e il benessere dei nostri dipendenti  Di qui il nuovo progetto in tema di Prevenzione, Salute e Sport, in collaborazione con un’equipe di medici specialisti  e volto a sviluppare ulteriormente la cultura della prevenzione tra tutto il personale”. AbbVie ha potenziato il  programma sanitario con l’obiettivo di rispondere in modo sempre più puntuale ai bisogni dei dipendenti attraverso un percorso di prevenzione personalizzato, specifico per età e livello di attività fisica, su misura per le diverse esigenze della donna e dell’uomo.

Spiega  in proposito Francesco Tatangelo, direttore di stabilimento AbbVie Italia: “Abbiamo ampliato i servizi offerti direttamente qui in azienda nell’ambito del programma di assistenza sanitaria. Nuovi  accertamenti diagnostici e consulti medici sono ora disponibili presso gli ambulatori predisposti nello Sporting Center aziendale. L’articolato programma di prevenzione e salute proposto ai dipendenti, che include iniziative di sensibilizzazione e informazione su corretti stili di vita, ha poi coinvolto anche il servizio mensa. Ogni giorno sono offerti menù bilanciati nel rispetto della dieta mediterranea, con prodotti di stagione e a km zero,  grazie  alla collaborazione di una specialista dietologa, che fornisce indicazioni  per un’alimentazione corretta ed equilibrata”. Oltre alla palestra con personal trainer a disposizione dei dipendenti, campo sportivo e numerosi altri servizi (assistenza fiscale, minimarket, sportelli bancomat), il sito di Campoverde si arricchito di  nuove sale per lavorare in team e spazi di incontro e aggregazione.

“Il nuovo posizionamento di Abbvie nella top ten della classifica Best Workplaces Italia 2017 attesta il percorso intrapreso per rispondere in modo sempre più idoneo alle esigenze dei nostri dipendenti. Va in questa direzione l’ampliamento delle misure in tema di welfare aziendale, intese a conciliare lavoro e vita privata, tra cui i nuovi flexible benefit introdotti di recente, che accrescono l’offerta di beni e servizi per il dipendente e li rendono sempre più personalizzabili, consentendo a ciascuno di scegliere come meglio destinare gli importi in base alle necessità individuali”. Sottolinea Manuela Vacca Maggiolini, direttore Risorse umane di AbbVie  in Italia e conclude “I risultati ottenuti sono per noi uno sprone per continuare su questa strada, nel prenderci cura dei nostri dipendenti, fulcro e motore della nostra azienda. Se oggi raggiungiamo questo significativo traguardo, lo dobbiamo all’impegno di ognuna delle nostre persone ed è con gioia e orgoglio che voglio ringraziare tutti per il contributo fornito ogni giorno a far sì che Abbvie sia tra le migliori aziende in cui lavorare”.

Impegnata nello sviluppo e produzione di farmaci innovativi, AbbVie concentra l’intensa attività di ricerca in aree terapeutiche quali immunologia (malattie infiammatorie autoimmuni), epatite C, oncologia, neuroscienze (malattia di Parkinson, Alzheimer, Sclerosi multipla). Insieme alla propria controllata Pharmacyclics, AbbVie conta circa 29.000 dipendenti in tutto il mondo e distribuisce i suoi farmaci in più di 170 paesi.  In Italia i dipendenti di AbbVie sono 1300 circa, di cui 800 impegnati nello stabilimento di Campoverde di Aprilia, che esporta la sua produzione in oltre 110 paesi.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti