Il Carpi affossa un Latina sempre più in crisi

261

Fortunatamente si gioca…è proprio il caso di dirlo. Al Francioni inizia un “nuovo” campionato per il Latina, una sfida indubbiamente difficile che, tra probabili pesanti penalizzazioni e problemi strettamente tecnici, dovrebbe portare a quello che sarebbe (quasi) un miracolo sportivo: la permanenza in serie B. I nerazzurri (ri)cominciano ospitando l’ insidioso Carpi di Castori in lotta per i play off e l’ imperativo è tornare ad una vittoria che tra le mura amiche manca da quasi due mesi (superato il Verona lo scorso 21 gennaio).

Primo tempo

Parte bene il Latina e al 4′ Bandinelli, al termine di una bella azione avviata da Insigne e proseguita da Bruscagin e Corvia, calcia fuori dal limite dell’ area. Continuano a spingere i nerazzurri pericolosi all’ 8′ con Corvia, fuori di poco il suo colpo di testa su cross di Bruscagin (che gioca stranamente a sinistra, con Rocca sulla fascia opposta) e soprattutto al 10′ con Insigne che, solo davanti a Belec, tira sull’ estremo difensore in disperata uscita. Clamoroso al 18′: Corvia entra in area e, invece di servire il liberissino Insigne, si intestardisce e “sbatte” contro la difesa avversaria vanificando una grande occasione. Si vede il Carpi al 27′ con Beretta che impegna Pinsoglio con un tiro dalla distanza. Pericolosissimi gli ospiti al 34′, cross dalla sinistra di Poli e colpo di testa a botta sicura di Beretta, respinto miracolosamente da Pinsoglio e, sulla ribattuta, Mbakogu spara alto. L’ episodio conferma il buon momento della squadra di Castori mentre il Latina deve recitare il mea culpa per non aver saputo concretizzare il dominio esercitato nei primi 20 minuti. Lampo dei nerazzurri al 41′ con Buonaiuto che, da ottima posizione, calcia malamente alle stelle. Dopo aver sofferto per un quarto d’ ora, il Latina ritorna a farsi pericolo e al 45′ ancora Buonaiuto impegna Belec con un tiro dal limite dell’ area. E’ però il Carpi a sfiorare il vantaggio alla chiusura del tempo con Beretta che al 47′, in sospetta posizione di fuorigioco, impegna Pinsoglio in uscita. Si chiude sul nulla di fatto una frazione che, in realtà, ha riservato molte emozioni, con occasioni per entrambe le squadre.

Secondo tempo

E’ il Latina a fare la partita, ma la volontà si scontra con la cronica scarsa incisività negli ultimi 30 metri, con Insigne autore di un paio di buone iniziative ma non seguito dai compagni. La prima concreta occasione è così al 15′ degli ospiti con Jelenic che da sinistra mette al centro un velenoso pallone respinto con difficoltà da Pinsoglio. La partita sembra orientarsi verso il pareggio  ma al 26′, su bel lancio di Fedato, Mbakogu riceve in area e, dopo essersi facilmente girato su Garcia Tena, batte da pochi metri Pinsoglio e porta in vantaggio i suoi. Vivarini effettua (finalmente) i primi cambi: entra Rolando per Bruscagin e De Giorgio per De Vitis: squadra sbilanciata che concede spazio al Carpi che va vicinissimo al raddoppio al 35′ ancora con Mbakogu che, servito da Lasagna, supera addirittura Pinsoglio ma Brosco si immola e salva sulla linea. Ormai saltano gli schemi: entra anche Jordan (al debutto) per Corvia: rimangono in difesa solo Brosco e Dellafiore mentre Garcia Tena avanza sulla fascia sinistra, una sorta di 2-4-4, con Buonaiuto e De Giorgio sulle fasce e Insigne e Jordan al centro dell’ attacco. Ma non c’è niente da fare: il Latina esce sconfitto e le prospettive sono sempre più negative.

LATINA – CARPI 0 – 1

Latina: Pinsoglio, Brosco, Dellafiore, Tena, Rocca, De Vitis (dal 36’st De Giorgio), Bandinelli, Bruscagin (dal 31’st Rolando), Insigne, Buonaiuto, Corvia (dal 41’st Jordan). A disp.: Grandi, Negro, Mariga, Coppolaro, Nica, Maciucca. All.: Vivarini.

Carpi: Belec, Letizia, Lasicki, Gagliolo, Poli, Jelenic, Mbaye, Lollo, Fedato (dal 41’st Sabbione), Beretta (dal 7’st Lasagna), Mbakogu. A Disp.: Colombi, Bianco, Bifulco, Seck, Carletti, D’ Urso, Forte. All.: Castori.

Arbitro: Pasqua di Tivoli. Assistenti: Candiano di Napoli e Pagnotta di Nocera Inferiore. Quarto uomo: Di Gioia di Nola.

Marcatori: 26’st Mbakogu (CA)

Ammoniti: De Vitis (LT), Lollo (CA), Bandinelli (LT), Jelenic (CA)

LE VOSTRE OPINIONI

commenti