Terracina, Procaccini: aeroporto a Latina, straordinario volano economico per tutta la provincia

Nicola Procaccini

L’ipotesi di realizzazione di un aeroporto civile a Latina, rilanciata con un’interrogazione regionale del consigliere pontino dem Enrico Forte, incontra il convinto sostegno del sindaco di Terracina Nicola Procaccini, esponente di Fratelli d’Italia, il quale vedrebbe nella realizzazione dell’infrastruttura “una straordinaria occasione di sviluppo economico e sociale per l’intera provincia”.

Il primo cittadino terracinese esprime il suo interesse, ricordando per altro che fu proprio sua madre, la parlamentare azzurra Maria Burani che nel 2007 presentò una mozione in Senato per la realizzazione dell’opera e a condurre una battaglia politica “che, se avesse avuto successo, l’intero territorio provinciale già oggi avrebbe potuto raccoglierne i frutti”. Dunque un progetto al quale Procaccini si sente molto legato. “La riapertura di questa possibilità – sottolinea il primo cittadino di Terracina – è un’occasione che non possiamo lasciarci sfuggire. Il turismo, la cultura, il commercio, il terziario, l’agricoltura, la pesca e tutto il movimento economico indotto dalla presenza di un’infrastruttura così importante trarrebbe un vantaggio che, forse, nemmeno siamo in grado di immaginare. Significa portare turisti e operatori economici direttamente nelle nostre città da tutta Italia ed Europa”.

Procaccini tiene a sottolineare che “la realizzazione delle grandi infrastrutture di comunicazione rappresenta lo strumento principale per lo sviluppo economico e sociale di una comunità”. La crisi – afferma – si combatte realizzando le opere, non appellandosi ad un’austerità che impedisce la ripresa e deprime le economie e gli uomini. È giusto evidenziare che l’aeroporto a Latina già esiste ed è perfettamente efficiente. Le opere di adeguamento al traffico civile, parziale o totale, richiedono investimenti meno onerosi di una realizzazione ex novo. Considerato che – conclude il sindaco – il traffico aereo è in continuo aumento e che i due scali romani sono da anni in difficoltà nella gestione del flusso di viaggiatori, non vedo soluzione migliore per decongestionare Fiumicino e Ciampino e offrire una nuova possibilità di allargamento del mercato. Per Terracina, poi, sarebbe come avere uno scalo cittadino visto che gli aeroporti delle grandi città distano tra i 20 e i 50 chilometri dai centri urbani”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti