Aprilia, gli anni di piombo raccontati da Lucia Guarano: la scrittrice ospite all’ex Mattatoio

257

Un tuffo nel passato, a rivivere gli anni di piombo raccontati dalla scrittrice Lucia Guarano e attraverso la musica di Fabrizio De Andrè, riarrangiata dal trio acustico dei Pilar del Mare. Domenica 2 aprile a partire dalle 19, la giornalista, candidata con il suo primo romanzo al Premio Strega 2016, sarà ospite presso l’ex Mattatoio di via Cattaneo per la presentazione del libro “La guerra è finita”. Corre l’anno 1977, un anno intenso in cui le lotte studentesche riesplodono e si radicalizzano, tanto da dare vita di lì a poco alla lotta armata, condotta da giovani che ereditando il sogno infranto con la fine della gurra, entreranno in clandestinità, ampliando le file del terrorismo rosso. La cacciata del segretario della CGIL Luciano Lama dall’Università La Sapienza di Roma è solo l’antefatto della drammatica svolta che si concretizzerà di lì a poco. E’ in questo contesto storico di grandi trasformazioni, che si muovono i personaggi principali del romando di Lucia Guarano: Mia e Anna sono due ragazze normali, studentesse, amiche, compagne che si ritrovano prima in lotta, poi in guerra. Una guerra di opposte fazioni interne allo stesso ideale, che mieterà una quantità di vittime impressionante. Lucia Guarano è nata a Roma nel 1979.  E’ autrice del romanzo-inchiesta sul ’77: “, suo libro d’esordio. Laureata in scienze politiche all’università Guido Carli di Roma nel 2005, ha collaborato con numerose testate nazionali e internazionali, tra cui Al Jazeera English, Qatar Tribune e Giornalettismo occupandosi prevalentemente di cultura e attualità. L’incontro organizzato presso il circolo Arci La Freccia di via Cattaneo sarà anche l’occasione per approfondire le tematiche legate al particolare momento storico con l’autrice e con il giornalista Giorgio Nardinocchi, corrispondente per il Messaggero e attualmente direttore di LiberEtà, mensile dello Spi CGIL. A seguire la serata (ingresso gratuito con tessera Arci) continuerà con la musica dei Pilar del Mare, con Paolo Pastore (chitarra e voce), Carmine D’Ambrosio (percussioni) e Laura Zaottini (violino) tributo acustico a Fabrizio De Andrè, che sul palco dell’ExMattatoio reinterpreteranno alcune delle canzoni dell’indimenticato “Faber”.

 

 

 

 

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti