Latina, 15 alberi da frutto nel giardino della Primaria Gionchetto: uno per ogni nuovo iscritto

331

Sono stati messi a dimora i 15 alberi da frutto del giardino della scuola primaria Gionchetto, tanti quanti i nuovi iscritti alla prima classe del prossimo anno scolastico. L’intervento rientra nel progetto avviato dall’assessorato all’istruzione del Comune di Latina, per il recupero e la valorizzazione degli spazi verdi e delle strutture del plesso nel quartiere storico del Gionchetto.

E’ stato un momento di festa, voluto dalla dirigente scolastica Claudia Rossi, dall’Assessore al ramo Antonella Di Muro, dai Consiglieri comunali della Commissione Cultura che hanno sostenuto la sopravvivenza della scuola elementare di fronte al rischio di una chiusura per insufficienza di iscrizioni. Dopo diversi incontri con i genitori dei bambini che frequentano la materna di Pantanaccio, quartiere adiacente al Gionchetto, e dopo una Commissione riunita in loco, le famiglie hanno aderito all’invito di iscrivere i loro figli alla primaria che proporrà per il prossimo anno l’orario a tempo pieno offerto finora nelle scuole elementari della città solo dal plesso di Via Quarto.

Insieme alla preside, all’assessore e alle consigliere di Latina Bene Comune, hanno partecipato alla piantumazione mamme e papà dei bambini neo iscritti e già frequentanti la scuola. Oltre agli alberi, donati dal vivaio Agro Verde, hanno trovato casa nel giardino dell’istituto anche due ciotole di garofani offerti dalla Pro Loco e dall’azienda Selecta.

“Il Gionchetto – sottolinea la Consigliera Isotton – è un quartiere in espansione, da valorizzare e presidiare anche con la cultura. Cominciamo oggi da questo piccolo frutteto, di cui i bambini impareranno a prendersi cura. C’è poi l’intenzione di promuovere attività extracurriculari con progetti destinati a coinvolgere non solo gli alunni, ma l’intero quartiere. Ringraziamo inoltre la professoressa Rita Bove dell’Istituto Volta e i dirigenti Nino Leotta e Roberta Venditti per aver contribuito a salvaguardare l’esistenza della scuola”. 

Questo slideshow richiede JavaScript.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti