Cisterna, torna la Sacra Rappresentazione della Passione di Cristo

319

E’ tempo di riflessione e tradizione a Cisterna con la Sacra Rappresentazione della Passione di Cristo. Un momento di cristianità e arte con una storia ventennale nella città dei butteri. L’importante appuntamento religioso, guidato dalla Parrocchia Santa Maria Assunta, tornerà ad affollare le vie del centro la sera di Venerdì Santo, 14 aprile, a partire dalla ore 20:00.

Quest’anno, ottava edizione a cura dell’Associazione Totus Tuus, sotto la direzione artistica di Monica Scalese, coreografa che lo scorso marzo ha ricevuto il Premio Cisterna. Grazie alla collaborazione della Pro Loco, con il Patrocinio del Comune di Cisterna di Latina e della Provincia di Latina, la Sacra Rappresentazione è un evento che riunisce tutta la comunità cisternese.

Un percorso di preghiera e meditazione lungo le vie e piazze della città che vedrà circa 200 persone impegnate nell’emozionante rappresentazione in costume con quadri viventi sui momenti salienti della flagellazione e condanna di Gesù, i butteri-centurioni che accompagneranno il corteo fino alla suggestiva e scenografica crocifissione e morte di Gesù in Piazza XIX Marzo.

“Proprio in questi giorni in cui le cronache dei giornali parlano di violenza, odio, sulle strade delle nostre città. I telegiornali raccontano poi dei cristiani uccisi nelle chiese e di stragi di innocenti, vogliamo che la storia di un condannato a morte, denudato, denigrato, tradito dai suoi amici, deriso per i suoi ideali, parli all’intimo di ognuno di noi. Vogliamo che l’Uomo messo in croce risvegli i valori eterni e senza confini della fratellanza, dell’Amore” commenta il portavoce della Totus Tuus, Angelo Agnoli. “Questo progetto – continua Agnoli – è iniziato, per alcuni di noi nove anni fa, grazie alla richiesta del nostro storico Parroco Don Giancarlo e dell’allora Sindaco Antonello Merolla, ci siamo uniti al gruppo storico che organizzava la Sacra Rappresentazione e abbiamo cercato, ogni anno di mettere in scena, con arte, la nostra fede, la nostra voglia di comunità”.

Un progetto ambizioso possibile grazie al sostegno di numerosi volontari che da anni si prodigano per l’allestimento delle scene, per la creazione dei costumi, per la rappresentazione vera e propria, per il reperimento dei fondi privati. “Ogni anno la Sacra Rappresentazione viene messa in scena attraverso il solo aiuto economico degli sponsor ai quali va il nostro sentito ringraziamento: Sider Cisterna, Banca Popolare del Lazio, Centro Rottami, Comi, De Rosso Tecnoforniture, Cami Costruzioni, Generali Assicurazioni, Gioielleria Tittarelli, DRS impianti, Cismer, MP elettroimpianti, Lo Stile di Fabiana Fronzilli, The doctor Computer e CAT Service. I nostri figuranti sono attori non professionisti, appassionati, persone che nella vita di tutti i giorni compiono lavori comuni in diversi campi, ma che si mettono in gioco con passione, dedizione e grande spirito di cittadinanza attiva”.

Il corteo partirà da Piazza XIX Marzo, procederà su Corso della Repubblica, poi proseguirà lungo Via Quattro Giornate di Napoli, per continuare lungo Piazza Caduti in Guerra, Via Leonardo da Vinci, Piazza Michelangelo, Via Po, Via Tevere, Largo del Bersagliere, Via Primo Maggio, Via G. D’Arezzo, Piazza Mascagni, Via Verdi, Corso della Repubblica e tornerà su Piazza XIX Marzo per la benedizione finale davanti lo storico Palazzo Caetani.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti