Latina, covo di spacciatori e tossicodipendenti: le siringhe gettate nel cortile del liceo Manzoni. L’interrogazione di Zuliani

Ad un anno di distanza della denuncia-video di Nicoletta Zuliani sul degrado in cui versano numerosi locali dell’edificio di via Romagnoli a Latina, dove si trovano gli uffici della Regione Lazio, la consigliera comunale torna sull’argomento con un’interrogazione rivolta al sindaco Damiano Coletta e all’assessore alla Sicurezza e alla Legalità, il vice sindaco Maria Paola Briganti. L’atto depositato il 24 marzo scorso sarà presentato al prossimo question time previsto per il 20 aprile alle 9.30. L’esponente del Partito democratico chiede di sapere quali misure intende mettere in atto l’amministrazione comunale per rendere sicura quest’area della città, la tempistica progettuale rispetto all’eventuale intervento e quali iniziative saranno intraprese per controllare il fenomeno dello spaccio, per contrastarlo e per prevenire le pesanti conseguenze sulla sicurezza dei cittadini.

Nicoletta Zuliani
Nicoletta Zuliani

Il consigliere Zuliani nella sua interrogazione illustra la situazione in questi termini: l’immobile di proprietà privata, sito all’angolo tra via Romagnoli e viale Le Corbusier, da diversi anni è ricettacolo di attività di spaccio e assunzione di droghe pesanti; lo spaccio e il consumo di sostanze stupefacenti sempre più palese nella nostra città alimenta situazioni di illegalità e degrado. L’esponente del Pd evidenzia che l’edificio in questione è confinante con il liceo Manzoni, frequentato quotidianamente da oltre mille studenti, e che il personale dell’istituto è spesso impegnato alla raccolta di siringhe rinvenute sul terreno scolastico (area utilizzata per le lezioni di educazione fisica) poiché gettate oltre la rete che separa le due proprietà. La consigliera ricorda, nell’interrogazione, di aver fatto diverse segnalazioni alla Polizia Locale circa la situazione di degrado e presenza costante di spacciatori e consumatori di sostanze stupefacenti testimoniata da veri e propri bivacchi allestiti nei recessi delle discese ai garage dell’immobile: “Tali presenze – aggiunge – sono crescenti e spesso danno luogo a vere e proprie risse mettendo a repentaglio l’incolumità dei cittadini che abitano nelle vicinanze e dei frequentatori del ristorante MacDonald e delle autolinee che si trovano nelle immediate vicinanze”.

La situazione – avverte il consigliere del Pd – rischia di aggravarsi ulteriormente visto che gli uffici della Regione, attualmente allocati nell’edificio, saranno presto trasferiti ad altro immobile rendendo di fatto ulteriormente isolata l’area. E’ per queste ragioni che Zuliani chiede all’amministrazione comunale iniziative che possano risolvere il problema in tempi rapidi.

“Non facciamo finta che a Latina non ci sia il problema della droga – commenta Zuliani nel suo video in cui si mostrano le immagini del degrado dell’edificio con pavimenti ricoperti da siringhe -… Non basta guardare, non basta denunciare, serve altro. Serve una vera comunità”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti