Latina, pugni e morsi alla compagna all’ottavo mese di gravidanza: arrestato

La sala operativa del 113

Si trova nel carcere di Latina il nigeriano di 26 anni arrestato ieri dalla Squadra Volante del capoluogo pontino per rapina aggravata, maltrattamenti in famiglia e lesioni. Si tratta di Chris Nnadirinwa fermato dalla Polizia mentre tentava di fuggire dalla sua abitazione di via Villafranca al termine di una violentissima lite con la compagna 21enne, sua connazionale.

La donna, all’ottavo mese di gravidanza, era stata picchiata selvaggiamente, riempita di morsi e pugni e afferrata per il collo. Quando gli agenti della Volante sono arrivati sul posto, allertati dalla sala operativa del 113 grazie alle segnalazioni di alcuni vicini di casa, hanno trovato la giovane donna con numerose ecchimosi e una preoccupante difficoltà respiratoria. Immediatamente è stato richiesto l’intervento del servizio 118 che ha provveduto a mezzo ambulanza al trasferimento in ospedale della 21enne e contestualmente acciuffato il compagno che con il sopraggiungere delle pattuglie a sirene spiegate aveva tentato di dileguarsi portando con sé il permesso di soggiorno rapinato alla donna.

Gli operatori della Volante nelle ore successive sono riusciti a vincere le remore della donna, scoprendo che l’aggressore aveva già in passato più volte sottoposto la stessa a maltrattamenti, costringendola a ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso. Episodi che la vittima non aveva mai denunziato per il timore di ritorsioni.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti