Roccagorga, Saputo lascia il Consiglio. Il sindaco: tre anni di grande lavoro

356

Lascia la carica, abbandona il consiglio comunale di Roccagorga e il suo ruolo di garante all’interno dell’assemblea civica. Il consigliere comunale del PD Maria Rita Saputo ha rassegnato le dimissioni da consigliere nella giornata di ieri. Il sindaco Carla Amici ne sottolinea la “correttezza unica”. Prima che formalizzasse la sua decisione infatti Maria Rita Saputo e Carla Amici hanno avuto un “lungo e bellissimo incontro – ha rivelato il Sindaco – in cui abbiamo ripercorso le tante cose belle messe in campo in questi tre anni di amministrazione in cui Maria Rita ha ricoperto l’importante e delicato ruolo di Presidente del Consiglio. Una scelta che a suo tempo non fu apprezzata dall’opposizione che non votò la sua nomina e che anche successivamente è stata oggetto di attacchi molto personali inaccettabili. Nel suo ruolo di Presidente del Consiglio – ha commentato il sindaco – Saputo ha sempre avuto una condotta irreprensibile nel rispetto delle regole e delle prerogative dei consiglieri a tutela dell’intero consiglio comunale”.

Alla base delle dimissioni non ci sono motivi politici, né tanto meno l’approvazione del bilancio o la famosa questione Iva. Per inciso, spiegano dall’amministrazione comunale,  il Comune di Roccagorga non ha alcun avviso di accertamento IVA. “Al contrario, quello causato negli anni passati da incompetenza e scarsa conoscenza delle regole IVA per gli enti pubblici, è   sfociato in una cartella esattoriale di € 580.000, poi ridotta a oltre la metà grazie all’intervento di questa amministrazione, ed è stato  regolarmente e puntualmente onorato”.

Le dimissioni del consigliere Maria Rita Saputo sono il frutto di un ragionamento e di una difficoltà oggettiva di poter conciliare impegno politico con il lavoro e soprattutto dall’impossibilità di poter garantire i necessari approfondimenti nello studio della matassa amministrativa, impegno che una delega così importante richiede e che del resto fino ad oggi era stato comunque profuso. “Per tre anni – sostiene Carla Amici – Maria Rita Saputo ha ricoperto egregiamente il ruolo anche di delegata al Bilancio considerate le sue qualità professionali, in perfetta sintonia con le scelte dell’Amministrazione e con gli obiettivi fissati nei tre bilanci di previsioni.Ha saputo tenere il gruppo consiliare a cui apparteneva con la sua costanza metodica di coordinare incontri settimanali tematici e per affrontare le problematiche amministrative delle quotidianità. Rispettiamo la sua scelta di dedicarsi a tempo pieno al suo lavoro, alla sua prima esperienza politica ha dimostrato un forte attaccamento alla sua comunità, alla soluzione delle problematiche , ha aderito fin da subito al Partito Democratico, in prima linea  al fianco del Sindaco Carla Amici e con l’assessore Nancy Piccaro per le politiche di genere e per l’affermazione dei ruoli delle donne in tutti i settori lavorativi e politici. Oggi le auguriamo di continuare a fare belle esperienze con le stesse parole con cui ha accompagnato il suo saluto a tutti i suoi colleghi di maggioranza”.

“Ho imparato molto in questi tre anni nonostante la mia inesperienza politica – ha detto la Saputo -, ringrazio ognuno di voi per quello che mi ha donato, spero solo che rimarrà un bel ricordo di me  a tutti… In bocca al lupo ragazzi” .

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti