Quinta sconfitta consecutiva per il Latina: retrocessione ad un passo

Testacoda al Francioni, dove un Latina reduce da quattro sconfitte consecutive, ultimo in classifica e ad un passo dalla retrocessione affronta la capolista Spal che, con cinque punti di vantaggio dalle prime inseguitrici, sente il profumo della serie A. Sfida impossibile per i ragazzi di Vivarini ? La logica direbbe di sì…ma ricordiamo che l’ ultima vittoria casalinga del Latina, nel lontano 21 gennaio scorso, fu ottenuta contro l’ allora capolista Verona…sperare non costa nulla…

Primo tempo

Si parte…ed è l’ inizio che non ti aspetti..al 12′ Insigne trova l’ imbucata per Corvia, che supera Meret in uscita con un preciso diagonale di destro! Non c’è però neanche il tempo di esultare perchè al 14′, sugli sviluppi di un corner, Bonifazi anticipa tutti in area di rigore e batte Pinsoglio. Scampato il pericolo, gli ospiti continuano a premere e al 18′ è Pinsoglio a mettere i brividi con un errato disimpegno che “serve” Antenucci che, fortunatamente, spreca da ottima posizione calciando a lato il prezioso “regalo”. Ma al 23′ è Insigne a divorarsi il nuovo vantaggio quando, dopo un “buco” dei centrali avversari, si presenta solo davanti a Meret e, invece di concludere, cerca di scartare il portiere avversario, bravo ad arpionare il pallone in uscita. La prima mezz’ ora è tutto sommato piacevole, con un Latina che tiene testa alla capolista, forse sorpresa dalla verve dei pontini e che finora ha evidenziato, in particolare, delle inaspettate crepe difensive. Al 31′, purtroppo, continua a piovere sul bagnato in casa Vivarini, costretto a sostituire Dellafiore con Nica, che prende a destra il posto di Bruscagin, retrocesso tra i tre centrali difensivi. I nerazzurri continuano a reggere il confronto con i quotati avversari e il risultato di parità con il quale si chiude il primo tempo lascia più amareggiati proprio i padroni di casa, passati in vantaggio, subito raggiunti ma ancora pericolosi con Insigne, incapace di concretizzare una colossale occasione.

Secondo tempo

Si ricomincia in equilibrio, la Spal offende soprattutto sulla fascia destra con Lazzari mentre nel Latina è positiva la prova di De Giorgio, bravo a farsi vedere e cercare la verticalizzazione per Corvia. Al 13′ l’ episodio che può risultare decisivo: il difensore ospite Bonifazi prende il secondo (sacrosanto) giallo per un fallo su Pinato e viene espulso. E’ così…ma per la Spal perché al 23′ Lazzari è protagonista dell’ ennesima cavalcata (solitaria…) sulla fascia destra, crossa al centro dell’ area dove l’ indisturbato Antenucci non ha difficoltà a superare Pinsoglio portando in vantaggio i suoi. E’ l’ ennesima rimonta subìta da un Latina che, invece di approfittare della superiorità numerica, prende la rete proprio dalla fascia nella quale ha l’ uomo in più… Prova a reagire il Latina ma, come un film già visto, emerge la solita cronica scarsa incisività e gli avversari, galvanizzati dal vantaggio e sostenuti incessantemente dai propri tifosi provenienti da Ferrara, tengono senza troppi patemi il risultato. Gli ultimi sforzi sono vani e termina con la quinta sconfitta consecutiva un incontro che avvicina i ragazzi di Vivarini alla retrocessione …mentre la Spal senza strafare respira aria di serie A…

LATINA – SPAL 1 – 2

Latina: Pinsoglio, Coppolaro, Dellafiore (dal 31′ Nica), Garcia Tena, Bruscagin, De Vitis, Bandinelli, Pinato, Pinato (dal 25’st Rolando), Insigne (dal 15’st Buonaiuto), Corvia, De Giorgio. A disp.: Grandi, Varga, Di Nardo, Jordan, Mariga, Macciucca. All.: Vivarini.

Spal: Meret, Cremonesi, Vicari (dal 23′ st Gasparetto), Bonifazi, Lazzari, Schiattarella, Arini, Mora, Costa, Antenucci (dal 35’st Schiavon), Finotto (dal 17’st Zigoni). A disp.: Poluzzi, Silvestri, Giani, Castagnetti, Del Grosso, Ghiglione. All.: Semplici.

Arbitro: Abisso di Palermo. Assistenti: Chiocchi di Foligno e Rossi di Rovigo. Quarto uomo: Giuia di Olbia

Marcatori: a 12′ Corvia (LT), al 14′ Bonifazi (SP), 23’st Antenucci (SP)

Ammoniti: Corvia (LT), Bonifazi (SP), Mora (SP)

Espulsi: al 13′ st Bonifazi (SP) per doppia ammonizione

LE VOSTRE OPINIONI

commenti