Latina, condannato per rapina si era reso irreperibile: catturato dalla Squadra Mobile

La casa circondariale di Latina

Trentatreenne di Latina si era reso latitante, dovendo scontare una pena di un anno, cinque mesi e 28 giorni di reclusione per i reati di rapina aggravata, detenzione e porto abusivo di armi, ma la Squadra Mobile lo ha intercettato mentre si recava a casa dei genitori, probabilmente per prelevare oggetti personali e proseguire la fuga, e lo ha arrestato.  Si tratta di Ahmed Jeguirim, classe 1983, nato a Latina. L’ordine di carcerazione è stato emesso dall’ufficio esecuzioni penali del Tribunale per i Minorenni. Il 33enne da alcuni giorni risultava irreperibile; la Polizia di Stato che doveva eseguire l’arresto non lo aveva trovato né a casa dei genitori né a casa della fidanzata. Per questo motivo la Squadra Mobile ha attivato mirati servizi di controllo e osservazioni dei luoghi frequentati dal ricercato e, ieri sera, quando il giovane ha fatto rientro presso l’abitazione dei genitori, è stato immediatamente bloccato dagli agenti, che hanno reso un vano ogni ulteriore tentativo di fuga.  Il 33enne, che annovera precedenti penali specifici per reati contro il patrimonio, dopo le formalità di rito, è stato associato presso la casa circondariale.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti