Servizi pubblici e liberalizzazione, a Latina incontro all’Hotel Europa il 17 giugno

139

Un ciclo di approfondimenti e soprattutto di proposte per costringere la politica locale a confrontarsi e prendere posizione sui grandi temi della democrazia, è questo il senso di “Conoscere per scegliere”, la piattaforma con cui il movimento Giovani Emozioni intende lanciare una serie di incontri tematici, il primo dei quali, “Servizi pubblici: liberalizzare?”, si svolgerà domani, 17 giugno, con inizio alle 11, all’hotel Europa.

Nel corso dell’incontro sarà lanciata una proposta alle forze politiche cittadine. Giovani Emozioni intende lavorare con chi è disposto a sottoscrivere tre aspetti programmatici basilari: 1) Liberalizzazione dei servizi pubblici, 2) sistema maggioritario a livello locale e nazionale, 3) rilancio degli strumenti di democrazia diretta a partire dal referendum, anche su base comunale.

“Il nostro è un tentativo di risollevare il livello del dibattito politico locale, fermo all’erba alta e ai nomi da dare alle piazze –afferma Stefano Cardillo, responsabile del movimento- vogliamo mostrare che in città esiste una maggioranza silenziosa di cittadini, giovani e meno giovani, capaci di pensare la loro città ed esprimere una visione di lungo periodo sulla vita politica del Pa­ese su cui costruire il nostro benessere futuro. Il primo del ciclo di incontri vuole focalizzare l’attenzione sul­la migliore gestione dei servizi pubblici locali mettendo a nudo tutta l’inconsi­stenza di un certo pensiero unico su questi temi.  Sull’incapacità della politica di gestire efficientemente i servizi per i cittadini, anzi servendosene per ampliare il proprio sistema clientelare. L’incontro, moderato dal giornalista Marco Battistini, vedrà come ‘relatori’ tutti ragazzi che vivono e lavorano a Latina a dimostrazione della presenza fra le nuove generazioni di un vivace fermento di competenze, passioni e progetti che iniziano a farsi spazio nel confronto locale. Vogliamo far tornare la politica quello che è sempre stata, contesa attorno alle idee su come organizzare la vita comune”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti