Caroso Festival verso la chiusura, l’ultimo appuntamento è con Elia Portarena

Giunge a conclusione la ventitreesima edizione del Caroso Festival e, per l’occasione, è stato scelto di affidare l’arrivederci alla prossima edizione al più giovane dei protagonisti, e uno dei più giovani talenti della seicorde in Italia: Elia Portarena. Sarà in concerto domani, sabato 5 agosto, presso il teatro comunale Don Bosco di Lanuvio dalle ore 21 suonando un programma ispirato dalle musiche di Villa Lobos, Scarlatti, Sor, Coste, Ponce e Castelnuovo Tedesco.

Classe 2000, quindi appena 17 anni, Elia Portarena nasce a Orvieto iniziando lo studio della chitarra classica all’età di 6 anni con il padre.  Nel 2013 è stato ammesso all’Istituto Superiore di Studi Musicali “Giulio Briccialdi” di Terni frequentando i corsi preaccademici sotto la guida del maestro Roberto Fabbri. Attualmente è allievo del maestro Emanuele Segre nel corso di Triennio. Dal 2015 si sta perfezionando con i maestri Aniello Desiderio e Andrea De Vitis. E’ risultato vincitore della Borsa di Studio dedicata alla memoria del chitarrista Roberto Borghini presso l’Accademia “Stefano Strata” di Pisa. Nonostante la sua giovane età, ha già tenuto vari concerti a livello internazionale riscuotendo successi e ricevendo prestigiosi premi; tra i momenti più importanti della sua giovanissima carriera, ad agosto dello scorso anno ha aperto il concerto dei Los Angeles Guitar Quartet a Brno nella Repubblica Ceca in occasione del Brno Guitar Festival.

La rassegna è come sempre ideata e diretta dal maestro Stefano Raponi e si avvale del patrocinio dei comuni che ospitano di volta in volta l’evento con il supporto degli sponsor Venti ed Eventi, Officine Ceccacci, Oc Progetti. Per avere ulteriori informazioni sulla manifestazione si può visitare il sito ufficiale www.carosofestival.it.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti