Latina, il condono edilizio resta indietro. “Lbc non ha saputo fare cassa, tutto rinviato al 2018”

118
Raimondo Tiero

Pratiche di condono inevase, scarse risposte ai cittadini e mancati introiti per il Comune di Latina. Il tema è stato affrontato questa mattina in sede di commissione consiliare Trasparenza e Legalità. Il presidente Nicoletta Zuliani ha voluto inserire questo argomento all’ordine del giorno, richiesto dal consigliere Raimondo Tiero, per fare luce sulla mancata previsione in bilancio di eventuali somme che avrebbero potuto sostenere l’ingaggio di tecnici esterni, in virtù della lamentata carenza di organico e dell’incognita sull’esito di un interpello interno effettuato in primavera. Somme da considerarsi un investimento a fronte del servizio reso ai cittadini e degli incassi derivanti dalle risposte alle giacenti domande di sanatoria edilizia che per l’ente appunto costituiscono una boccata di ossigeno in termini di entrate.

A riferire ai commissari sull’argomento è stato il dirigente del servizio Politiche di Gestione e Assetto del Territorio, Patrimonio e Demanio, l’architetto Umberto Cappiello. La novità emersa è che una variazione di bilancio di circa 100mila euro era stata già proposta il 18 luglio scorso e “bocciata” per salvaguardare gli equilibri di bilancio già messi sotto stress per via di altre manovre finanziarie finite ieri in Consiglio comunale e oggetto dell’assise di martedì prossimo con all’ordine del giorno la costituzione dell’azienda speciale. Quando si parla di “priorità”….

Il consigliere Alessandro Calvi ha osservato, durante la commissione, che l’amministrazione di Latina Bene Comune ha lasciato indietro iniziative come questa che avrebbero potuto comportare la possibilità di introito degli oneri concessori, dimenticando anche il fatto che l’ufficio condono interessa la città sia in termini di legalità che di ambiente.

In commissione oggi si è appreso che a breve la variazione di bilancio, per sostenere la spesa dei tecnici esterni, sarà riproposta con un importo inferiore a cui l’ufficio ragioneria e l’assessorato al ramo avrebbero dato consenso. “Il fatto da sottolineare – ha commentato Zuliani – è che soltanto ‘grazie’ a questo ritardo che sarà garantito l’equilibrio di bilancio, perché il pagamento dei tecnici e parte degli introiti ormai verranno contabilizzati nel 2018”.

Va aggiunto che il fattore tecnici esterni ha trovato spazio poiché l’amministrazione, come denunciato proprio nei giorni scorsi sia dalla Cgil che da Confintesa, “non ha mantenuto il proprio impegno alle linee di indirizzo condivise per un processo di riorganizzazione della macchina amministrativa”, indicando quali settori più critici per la carenza di organico proprio “l’urbanistica e i lavori pubblici”.

Altro tema inserito all’ordine del giorno, su richiesta del consigliere Massimiliano Carnevale, e discusso nella seduta odierna è stato quello relativo alle procedure di verbalizzazione delle commissioni che attualmente sono state praticamente sostituite con le sole audio-registrazioni delle sedute, accompagnate dall’attestazione di presenze e annotazioni di orari.  Il dirigente del servizio Affari istituzionali Daniela Ventriglia ha riferito che il Tuel non fornisce alcuna indicazione sulle modalità di verbalizzazione e che quindi i Comuni devono attrezzarsi con statuto e regolamenti. Le registrazioni audio sono state introdotte di recente e se da un lato danno garanzie sull’integrità dei contenuti dall’altro non agevolano la consultazione degli argomenti trattati. Occorre trovare una via di mezzo. Alcune proposte sono state formulate dai consiglieri di Lbc. E guai a tornare indietro: anche in questo caso a pesare è la carenza di organico; le verbalizzazioni competono al personale addetto al ruolo della segreteria delle commissioni; verbalizzazioni per così dire troppo articolate oggi come oggi sono un lusso che il Comune di Latina non può permettersi. L’argomento, per un ulteriore approfondimento, sarà trattato in commissione Affari istituzionali.

Il consigliere Zuliani ha anticipato che la prossima commissione Trasparenza e Legalità sarà indetta con all’ordine del giorno la questione ex Svar. Un altro tema che riguarda l’assessorato Politiche di Gestione e Assetto del Territorio, Patrimonio e Demanio retto da Gianfranco Buttarelli.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti