La Zuliani si candida per la segreteria provinciale del Pd: “Tante cose da cambiare”

Nicoletta Zuliani

Ora è ufficiale, Nicoletta Zuliani contenderà a Salvatore La Penna la segreteria provinciale del Pd. Con un post pubblicato sul suo profilo facebook, la 52enne professoressa d’Inglese al liceo Manzoni di Latina ha avanzato la sua candidatura contro il segretario uscente promettendo diversi cambiamenti all’interno del partito. La Zuliani, consigliere comunale sostenuta da Enrico Forte, sfiderà dunque il docente scolastico Salvatore La Penna, alla guida del Pd da quattro anni. L’assemblea provinciale, con la conseguente nomina, dovrebbe tenersi il 22 ottobre. In lizza anche Andrea Calcagnini.

“Il Partito Democratico ha in sé una grande ricchezza che non tutti conoscono: abbiamo
nelle nostre fila persone che, seppur non elette, sono giovani donne e uomini politici di
valore e di esperienza. Queste sono le risorse più importanti, più significative”, ha dichiarato Zuliani.

“Il momento congressuale è un appuntamento importante – spiega la consigliera dem in una nota stampa di oggi – per poter far emergere e articolare le tante proposte che il partito, attraverso queste ‘risorse umane e politiche’ ha al suo interno. Non era possibile che tutto questo rimanesse inespresso, ed è per questo che la mia candidatura trova la sua motivazione”.

“Come amministratore conosco le difficoltà ed i problemi che siamo chiamati ad affrontare – scrive Zuliani nel suo comunicato -: molti problemi sono sovracomunali e sempre più rischiamo di non dare le risposte giuste se non ricostruiamo una rete tra tutti gli amministratori PD per condividere, confrontarci, trovare insieme le soluzioni che rappresentino la nostra visione, una visione riconoscibile, ben definita, che abbia la forza e lo spessore per aggregare e diventare punto di riferimento. Solo attraverso la ricostruzione di una vera rete di amministratori il Partito Democratico potrà ricostruire una visione reale del territorio, riconoscibile e condivisa dai cittadini. Questo ci aiuterà a ricucire quel rapporto strappato con il tessuto cittadino che in troppi comuni stiamo soffrendo”.

Zuliani, quindi, lancia la sua sfida per la guida provinciale del Partito democratico basata su un confronto aperto e condiviso che guardi ai programmi superando la logica delle correnti: “Abbiamo voluto predisporre – spiega un documento programmatico ‘aperto’ per contribuire e partecipare al prossimo congresso provinciale: potranno votare solo i tesserati, ma le assemblee saranno aperte e pubbliche, aperte al contributo di tutti. Crediamo infatti che questa possa essere l’occasione per un vero contributo sul merito delle proposte politiche, fuori dalle logiche correntizie capace di superare il solo meccanismo delle tessere e di ripensare il campo democratico in provincia di Latina. Dobbiamo ritrovare il piacere e la forza di lavorare attorno ad un progetto, senza chiederci di quale area siamo: un contributo vitale per un partito che è chiamato a sfide grandi. Ci rivolgiamo a tutti gli iscritti aperti alla partecipazione e al contributo per la costruzione di un’area franca, a partire dai temi più significativi sia per l’oggi che per il futuro. “Ci rivolgiamo – conclude – a chi crede alla necessità di mettersi in discussione, che non ha paura di confrontarsi dentro e fuori, che mette in primo piano la partecipazione e la trasparenza, che rispetta i principi del proprio Statuto, che si presenta ai cittadini in modo sincero e concreto con proposte coerenti e coraggiose”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti