Pontinia e il pasticcio della scuola sulla Migliara 48: Azione Pontina attacca il sindaco

Giuseppe Mochi

Duro attacco all’amministrazione Medici sulla vicenda della scuola inagibile sulla Migliara 48, a Pontinia. Lo ha sferrato il presidente di Azione Pontina, Stefania Fantini, secondo la quale la chiusura del plesso è stata la conseguenza di una mancata programmazione e di mancati interventi: “”Non si possono stanziare cifre ridicole nei bilanci e poi meravigliarsi che le cose non vanno! Non ci si può accorgere che la scuola presenta delle vistose crepe sui muri portanti a pochi giorni dalla riapertura della stessa! Significa, che dal momento della chiusura per le vacanze estive nessuno ci ha più messo piede! L’altra cosa curiosa è come abbia fatto la ditta che si è aggiudicata l’appalto per il risparmio energetico, con contributo ottenuto dalla Provincia, a sostituire le valvola dei termosifoni e non accorgersi che stavano facendo lavori in una scuola con gravi danni sui muri, tanto è vero che poi è stata dichiarata inagibile? Chi doveva controllare?”.

Per questi motivi la presidente di Azione Pontina ha chiesto se il plesso disponesse del certificato di agibilità e ha posto altri interrogativi al sindaco: “Si è deciso di sovraffollare ulteriormente il plesso del Quartaccio in attesa di lavori di ristrutturazione che non si sa quando termineranno!  Come si farà per la mensa? Gli alunni mangeranno nelle stesse aule dove fanno lezione? Perché non si è preso in considerazione di ripristinare la scuola PEEP attualmente occupata da altre associazioni? Un edificio nuovo, moderno, riscaldato, con aule grandi, creato apposta per questo scopo, con spazi verdi attorno”.

Stefania Fantini

La Fantini si è poi soffermata sulla questione dell’aumento del buono pasto: “ Anche questo frutto del populismo degli anni precedenti. Infatti, l’attuale Sindaco, non si è accorto nei dieci anni precedenti che lo hanno visto consigliere comunale, che il prezzo del biglietto mensa non era più consono ai costi attuali. Altri costi, che si vanno a sommare e quindi a gravare sulle famiglie, facenti parte di una serie di aumenti  di tasse e tariffe ritoccate nel suo primo bilancio da Sindaco! Solo da qualche giorno hanno riaperto le scuole, ma rimangono sul tappeto le problematiche di sempre, con attrezzature mancanti basta pensare a banchi, sedie, tende, materiale scolastico etc”. Per verificare la reale situazione dei vari edifici scolastici, Azione Pontina, chiederà attraverso il Consigliere Comunale Giuseppe Mochi, ai relativi Presidi, la possibilità di visitare gli stessi per constatare in maniera diretta.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti