Da Pontinia a Roma per dire no alla legge dello Ius Soli. Antelmi su lavoro e immigrazione

Massimiliano Antelmi

A Pontinia una voce di ferma contrarietà alla legge dello Ius Soli e adesione alla manifestazione organizzata a Roma per domani, 14 ottobre, dal Movimento nazionale sul tema del lavoro e dell’immigrazione.

Ne parla Massimiliano Antelmi, presidente del circolo di Pontinia del movimento: “Si tratta di un tema che rappresenta un dramma per migliaia di persone e soprattutto per le giovani generazioni. Alle cifre ottimistiche che enuncia Renzi si contrappongono i cinquecentomila italiani che ogni anno emigrano dal nostro paese per trovare lavoro. Ma se le condizioni economiche e le politiche messe in campo dal governo non aiutano i giovani, ad aggravare la situazione c’è una immigrazione senza controllo che inevitabilmente va ad incidere sulla precarietà dell’occupazione italiana. Già oggi infatti, 200 mila stranieri, ogni anno diventano cittadini italiani andando a creare concorrenza soprattutto nei lavori più umili e disagiati a tanti lavoratori italiani. Non possiamo pretendere che la gente che arriva qui trovi condizioni di benessere – continua Antelmi – quando ci sono sacche di disoccupazione insostenibili ed insopportabili perché in questo modo si scatena allarme sociale e una guerra tra poveri! Non è vero, che gli immigrati fanno i lavori che gli italiani non vogliono fare, è vero che fanno i lavori che gli italiani non vogliono fare con le stesse forme di sfruttamento. Per questo va rifiutata ogni forma di invasione: i flussi migratori devono essere contingentati e condizionati ad una selezione che deve avvenire nei luoghi di origine: dobbiamo far arrivare in Italia solo persone che hanno una prospettiva di lavoro che non fa concorrenza alla mano d’opera italiana”.

Il presidente del circolo di Pontinia del Movimento nazionale afferma che “ovviamente il problema occupazionale in Italia non si riduce a questo, ma rimanda a problemi di sviluppo legati alla mancanza di sovranità nazionale”. Da qui, la netta contrarietà di Antelmi e del suo movimento alla legge dello Ius Soli: “Noi la consideriamo una legge assurda e sbagliata. Non possiamo regalare per legge e in maniera demagogica a chiunque la cittadinanza come vuole fare invece la sinistra. A questo importante appuntamento, hanno già dato l’adesione 24 sigle tra partiti, movimenti e sindacati che sfileranno con noi sabato prossimo riconoscendo l’attualità e la condivisione del tema scelto”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti