La corale Corodia di Latina in trasferta a Roma per un’importante celebrazione liturgica

La corale Corodia di Latina

La Schola Cantorum Diocesana Corodia di Latina in trasferta a Roma il prossimo 4 novembre. L’occasione è quella del XV° Capitolo generale dell’Ordine Francescano Secolare che si svolgerà dal 4 al 12 novembre. La corale, diretta dalla professoressa Angela Rita Giugliano, avrà il compito di animare la celebrazione liturgica, presieduta dal cardinale Pietro Parolin, dell’apertura del programma che avrà luogo presso il Collegio Seraphicum.

La corale caratterizzerà la celebrazione con canti liturgici in diverse lingue in quanto i partecipanti al Capitolo provengono da tutto il mondo. L’evento è coordinato da Lucio Monti, responsabile e attivo organizzatore dell’Ofs (Ordo – Franciscanus – Secularis). Per l’occasione i coristi saranno accompagnati dai musicisti Gianluca Biondi all’organo, Gianluca Masaracchio e Giulia Loveri alla chitarra classica, Alessandro Ortolani ed Elisa Robibaro al clarinetto ed il giovanissimo Piergiorgio Bergo alle percussioni.

Le voci soliste saranno Anna Trinchera e Simon Iuè, quest’ultimo giovane cantante noto nel panorama canoro italiano per le numerose partecipazioni a trasmissioni ed eventi. Dirigerà Giugliano.

 Breve storia della Corodia

La Schola Cantorum Diocesana “Corodia”, facendo tesoro del passato, nasce per l’animazione musicale delle liturgie a carattere diocesano nel “96”.

E’ formata da persone provenienti dal territorio Pontino e da musicisti professionisti che nelle celebrazioni a carattere comunitario cercano di rendere percepibile il mondo dello spirito, dell’invisibile, di Dio. Si è costituita in Associazione nel 2006 con Presidente Andrea Gnasso.

L’esperienza del Coro è maturata attraverso la costante animazione di Messe, Convegni, Ordinazioni Diaconali e Sacerdotali, Pellegrinaggi, Veglie di preghiera, Concerti.

Attraverso le costanti prove serali i partecipanti, avendo la possibilità di formarsi al meglio, riportano nelle parrocchie di appartenenza una migliore conoscenza tecnica e la consapevolezza di “cosa” e per “chi” si sta cantando.

Il repertorio del coro è particolarmente vasto: alla conoscenza di canti Gregoriani tratti dall’ Ordinarium Missae, dal Proprium ed Officium, si affiancano brani di autori classici quali Arcadelt, Bach, W.A.Mozart, A.Vivaldi e di canti composti di autori contemporanei come Perosi, Frisina, Bartolucci, Liberto, Donella.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti