Latina, bracconaggio in via Sabotino e avifauna selvatica in congelatore. Il blitz del Nipaf

Per gli esemplari finiti in congelatore ormai non c’era più nulla da fare, ma almeno zigole e allodole ancora vive sono state salvate. Oggi i carabinieri forestali del Nipaf di Latina hanno effettuato un blitz all’interno di una proprietà privata di via Sabotino, alla periferia del capoluogo, dove erano stati segnalati atti di bracconaggio. E in effetti i militari hanno trovato posizionate grosse reti da uccellagione, 20 metri di larghezza per tre metri di altezza, tese a catturare avifauna selvatica anche con l’ausilio di richiami elettroacustici vietati. A questo punto il personale del Nipaf ha effettuato anche la perquisizione dei locali ubicati nella proprietà privata dove hanno rinvenuto altre due reti e nel congelatore esemplari di avifauna selvatica. Il tutto è stato posto sotto sequestrato. Denunciato a piede libero il presunto responsabile, P.M. di Latina.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti