Brusca frenata del Latina con l’Aprilia, ora la vetta è più lontana

Prima sconfitta casalinga per il Latina in un Francioni tormentato dal vento e dalla pioggia battente. La squadra di Chiappini, penalizzata dalle assenze di tutte le fonti di gioco, Catinali, Olivera e Natalle, ha avuto un approccio sbagliato al match spianando la strada a un Aprilia che si è difeso con ordine e ha lottato con il coltello tra i denti.  Come ammesso dallo stesso mister nel dopo gara, si è trattato di un brutto passo indietro rispetto ai recenti progressi, in primis sul piano dell’atteggiamento. E domenica si va a Fregene, nella tana di uno scatenato Atletico.

 

LA CRONACA

Dopo appena due minuti l’Aprilia sblocca  con una punizione di Casimirri. Al 5’ Pagliaroli manca l’occasione del pareggio e subito dopo le rondinelle raddoppiano su un corner di Bosi, deviato in porta da Bortolameotti con la complicità di Cittadino. La reazione dei nerazzurri è sterile, il vento e la pioggia battente complicano ulteriormente i piani di Chiappini. La concretezza si avvista solo dal 23’ della ripresa, quando Tribuzzi spedisce alto in spaccata un invito di Angelov. Tre giri di lancette e i padroni di casa accorciano, grazie a De Francesco che raccoglie e insacca una respinta corta di Del Moro su bordata rasoterra di Nelson. Il Latina prova l’assalto ma non costruisce granchè, fatta eccezione per un paio di mischie comunque innocue per l’Aprilia.

 

CHIAPPINI: “C’E’ TEMPO PER RECUPERARE”

Il nulla di fatto con l’Aprilia ha fatto scivolare il Latina a -8 dalla vetta. Un gap che comunque non preoccupa Andrea Chiappini: “Vediamo la classifica alla fine: ci sono squadre che partono forte e poi rallentano, altre che crescono strada facendo. Siamo solo all’11esima giornata, la storia del calcio insegna che a gennaio iniziano altri campionati”. Di sicuro non bisognerà concedere ulteriore terreno alla nuova capolista Atletico  nell’ennesima proibitiva trasferta che attende i nerazzurri. Domenica ci saranno comunque i ritorni di Catinali e Cossentino. Sperando anche in Olivera.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti