Turismo, Sabaudia affascina i canadesi

Si è conclusa quest’oggi la tre giorni di accoglienza che ha visto in visita sul territorio comunale i rappresentanti dei diversi tour operator del Canada. I visitatori d’oltreoceano hanno lasciato Sabaudia nel primo pomeriggio, portando con loro un’esperienza unica e il ricordo di un posto che si vorrebbe lanciare nello stato nordamericano come una delle migliori mete di vacanza italiane ed europee.

“Non conoscevamo Sabaudia, non avevamo nemmeno mai sentito nominare il suo nome – hanno commentato gli ospiti canadesi –. Le verifiche preventive su internet non sono state entusiasmanti ma arrivati qui abbiamo scoperto un posto davvero unico. Parliamo di una città ancora poco sviluppata a livello turistico ma i paesaggi e la diversità degli ambienti la rendono davvero suggestiva. La cosa che ci ha colpito sin da subito è stata poi l’accoglienza ricevuta e la cordialità di tutte le persone che abbiamo incontrato e che hanno contributo a rendere entusiasmante e confortevole il nostro soggiorno. A loro e al sindaco va il nostro più sentito ringraziamento”.

Durante la loro permanenza, i rappresentanti dei tour operator canadesi hanno avuto modo di visitare la città, il Parco Nazionale del Circeo, Villa di Domiziano, il lungomare, le dune e il lago di Paola. Suggestive le escursioni in battello e nella foresta. Ieri sera, invece, il Sindaco ha aperto la casa comunale per i saluti istituzionali e un piccolo momento di degustazione dei prodotti tipici locali. Questa mattina, infine, gli ospiti hanno visitato alcune aziende del territorio per conoscere a fondo alcune delle eccellenze enogastronomiche della città di Sabaudia e il loro ciclo produttivo.

“È stata un’occasione davvero importante per la nostra città – ha commentato soddisfatto il sindaco Giada Gervasi – L’idea è stata fortemente voluta da tutta l’Amministrazione comunale, valutata l’opportunità unica e la necessità di dare un forte impulso allo sviluppo del turismo. In assenza di strumenti turistici avanzati, che possano agevolare la più ampia promozione del territorio e la conseguente ricezione, abbiamo scelto di utilizzare come chiave dell’incontro l’accoglienza, mostrando ai nostri ospiti le meraviglie e le eccellenze di questa terra. È stata una scelta politica molto forte e al contempo ambiziosa: il nostro fine è esportare la città all’estero, facendola diventare davvero meta turistica per eccellenza, garantendo così flussi di turisti e visitatori in tutti i periodi dell’anno. Per farlo c’è bisogno di partire dall’apice, da coloro che sono i primi promotori di itinerari alle diverse agenzie di viaggio”. Ora l’Amministrazione è già all’opera per attrarre sul territorio anche altre realtà estere e creare reti e pacchetti turistici mirati.

Vorrei ringraziare i consiglieri Avagliano, Celebrin, Minervini e Bonetti per l’organizzazione del soggiorno – conclude il sindaco – Inoltre gli operatori commerciali e le associazioni del territorio che hanno permesso ai nostri ospiti di ‘assaporare’ la nostra terra, sotto ogni punto di vista”. Grazie a Oasi di Kufra, Proprietà Scalfati, Istituto Pangea Onlus, Sopritendenza per i Beni Archeologici del Lazio, Parco Nazionale del Circeo, Pro Loco Sabaudia, Stabilimento “La Giunca”, Fisar – delegazione di Sabaudia, Photographia di Simone Calderan, Cantina Villa Gianna, Cantina Sant’Andrea, Caseificio Macchiusi, Azienda Agricola Pietro Celebrin, Norcineria Macelleria Avagliano, Forno Margherita, Pasticceria Gigi e Macelleria Mastrantoni.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti