Latina, gialli e delitti non risolti al Vittorio Veneto

La terza edizione di Buon Compleanno Latina entra nel vivo. Stavolta la location non è il Circolo cittadino in piazza del Popolo ma l’istituto Vittorio Veneto in viale Mazzini: domenica 17 dicembre dalle ore 16.30. Ed è presentazione di libri gialli, quelli che generano inquietudini, cui è dedicata appunto la giornata.

“Latina è una città letteraria. Concetto che non è determinato dal fatto che vi siano molte persone che si dilettano a scrivere (o che siano degli scrittori), ma perché è una città che inquieta, che non pacifica. Infatti, è il senso dell’inquietudine che smuove lo scrivente, se fosse una città piatta, analgesica, di certo non genererebbe quei rapporti conflittuali che tutti noi nutriamo nei suoi confronti. Un rapporto di odio e amore, per intenderci, che richiama a sentimenti forti come già espressi dalla poetica catulliana, quanto mai attuale, come del resto è tutta la produzione letteraria classica.” ha sottolineato Gian Luca Campagna, direttore artistico dell’evento.

Domenica 17 La città dell’inquietudine . Istituto Vittorio Veneto, ore 16.30 presentazione del libro ‘Delitti e misteri. I casi di Latina’, i cold case della provincia di Latina attraverso i racconti di cronaca di giornalisti, scrittori, blogger. Dieci casi di cronaca nera: il fatto, la cronaca, il contesto sociale in cui è maturato il crimine, le cause, i risvolti e le conseguenze, le indagini, i punti oscuri, gli interrogativi irrisolti, la fase processuale, la sentenza, l’eco sociale e la reazione dell’opinione pubblica. Non solo cold case, quindi. Quei delitti irrisolti che fanno la storia di un territorio al pari delle tradizioni, del folklore, della tavola, delle attrattive turistiche. I crimini, soprattutto gli omicidi, ci raccontano tanto di una società, del suo vivere civile, delle sue pulsioni, delle sue passioni. Ci raccontano delle città in cui accadono e delle genti che le vivono. Appartengono a esse come fossero soffi permanenti, che persistono tra i vicoli angusti delle città medievali, tra le ombre metafisiche delle città assolate volute dal regime fascista, tra gli interstizi delle case borghesi e popolari, finanche tra gli argini delle sponde che s’accavallano tra i campi coltivati, perfino tra i rovi che macchiano le dune di sabbia lungo il litorale. Dieci sono i casi, non solo di omicidi rimasti irrisolti e quindi senza colpevole (e qualcuno senza mandante), ma anche di crimini ancora dai contorni oscuri, nebulosi, dove a volte legge e giustizia contrastano, dove a volte il chiacchiericcio è più pesante delle bilance dell’irremovibile Temi.

Ma vediamoli questi casi. Dal morboso duplice omicidio e suicidio del conte Camillo Casati Stampa, che ammazza la moglie, la splendida Anna Fallarino, e il suo giovane amante; il delitto di piazza Roma a Latina, dove in circostanze mai chiarite nell’aprile del 1971 fu assassinata Andreina Calzati; il massacro del Circeo (settembre 1975); l ‘omicidio del giovane Luigi Di Rosa a Sezze, nel maggio 1976; 1990: siamo ad Aprilia, viene ammazzato in un attentato l’avvocato Mario Maio. La scia dei delitti insoluti prosegue con la morte del parroco Cesare Boschin, è il marzo 1995, siamo a Borgo Montello, a Latina. Nel marzo 1997 Cori fu sconvolta da un duplice omicidio di due fidanzatini; febbraio 1998: a Colle Piuccio, periferia di Sabaudia, viene ammazzato in un agguato l’avvocato Vincenzo Mosa. Chiudiamo con due suicidi. Il primo è quello di Fedele Conti, comandante della Guardia di Finanza di Fondi (settembre 2006), e poi l’avvocato Censi di Latina. Presenti gli autori, modera Oliviero Sezzi, avvocato.

Ore 17.30 presentazione del romanzo ‘Ballando nel buio’ di Roberto Costantini. Presentano Gian Luca Campagna, Stefania De Caro e Antonello Trovato. Torna in città uno degli autori più amati del genere: Nel 1974, quattro anni dopo la sua drammatica fuga da Tripoli, Mike “Africa” Balistreri è uno studente di Filosofia all’Università di Roma venuto a contatto con l’estrema destra, entrato nelle file di Ordine Nuovo aderisce alla lotta armata. L’estremismo politico degli anni di piombo, il passato e i suoi incubi tornano a bussare alla sua porta nel 1986, quando è commissario di polizia e viene ritrovato ucciso un suo vecchio camerata, divenuto onorevole…

Ore 18.30 presentazione del romanzo ‘Il mistero del dodicesimo volume’ di Mauro Corbi, all’esordio assoluto. Presentano Cesare Bruni e Giuseppe Pannone. La nuova città strappata alla palude fa innamorare anche chi non l’ha voluta. Un amore profondo, intenso e la scelta di farne il proprio rifugio. Una stanza creata e non reclamata da nessuno che nasconde un prezioso contenuto che rischia, durante i bombardamenti degli angloamericani, di rivelare ciò che nessuno deve vedere. Un modesto manovale, guidato da un uomo del regime, salva il “segreto” e ne diviene il solo depositario, ma anni dopo…

LE VOSTRE OPINIONI

commenti