Latina, “Shakespeare Kills Radio Stars”: ad Opera Prima si fondono musica e teatro

“Shakespeare Kills Radio Stars”, prodotto dal Matuta Teatro di Sezze, è lo spettacolo che apre il mese di gennaio nell’ambito della XI edizione della rassegna “Emergenze e Dintorni della scena” organizzata dall’Associazione culturale Opera Prima con la direzione artistica di Agnese Chiara D’Apuzzo e Zahira Silvestri in collaborazione con ATCL, MIBACT, e Regione Lazio per la Cultura.

Venerdì 12 gennaio, alle ore 21, il palcoscenico di via dei Cappuccini 76 a Latina, accoglierà questa performance musical teatrale di e con Alessandro Balestrieri che trasforma il Bardo in una rockstar, cantore di storie senza tempo.  Il titolo è un chiaro rimando al celebre brano “Video Killed the Radio Star” del gruppo new wave britannico The Buggles. Lo spettacolo infatti nasce dall’idea di fare un concerto partendo dalle parole di William Shakespeare che diventa all’improvviso un musicista contemporaneo, i cui testi sbaragliano con forza la concorrenza delle altre Radio Stars, “uccidendole” metaforicamente.

“Così abbiamo iniziato a comporre musica elettronica, originale, – commenta Balestrieri che insieme a Riccardo Romano è anche autore delle musiche – e l’abbiamo fatta incontrare a contesti shakespeariani. Durante questo “incontro” però è successo qualcosa: le immagini, potentissime, della scrittura di Shakespeare, hanno preso a sgomitare, a pretendere di esistere. Sono venuti fuori i personaggi. Ed è nata una performance che va oltre il concerto”.

E così ritroviamo Macbeth e Lady Macbeth, Romeo e Giulietta, Bottom, Ofelia… I personaggi sono lì, sul palco. Sono loro. Sono la storia che portano in dote. E Shakespeare il mezzo per farla vivere.

“Shakespeare Kills Radio Stars” vede alla voce e alla chitarra Alessandro Balestrieri, alla batteria Bernarsino Balestrieri e al basso Amedeo Morosillo.

Il costo del biglietto di ingresso è di 10 euro.
Info e prenotazioni al 347.3863742 – 392.0207982 – 347.7179808 oppure muni2000@libero.it.
Fb: OperaPrima Teatro

LE VOSTRE OPINIONI

commenti