Roccagorga, rubinetti a secco e acqua torbida: il consigliere Romanzi promuove una class action

L'avvocato Massimiliano Bruno

Mario Romanzi, consigliere comunale di Roccagorga appartenente al gruppo Domus Gorga, promuove una class action contro i disservizi di Acqualatina. La crisi idrica sui Lepini non cessa e – spiega il consigliere – “il nuovo anno per i cittadini di Roccagorga inizia in perfetta continuità con quello passato visti i disagi di questa settimana che hanno portato il sindaco ad emettere un divieto di utilizzo e consumo dell’acqua delle condutture a scopo potabile”.

La situazione, per Romanzi, “conferma come le amministrazioni locali siano incapaci di tutelare adeguatamente i cittadini (Acqualatina spa è per il 51% dei Comuni). Il consigliere lamenta inoltre di aver ricevuto risposte parziali a seguito dell’interrogazione sulla gestione dell’emergenza idrica.

“Sulla base di queste risposte insoddisfacenti – aggiunge – e visto il perdurare di questo vergognoso fenomeno, come l’acqua torbida dai rubinetti, a mio avviso si rende doveroso agire, senza il tramite delle istituzioni le quali sono incapaci di dare delle soluzioni concrete, direttamente contro Acqualatina spa”.

Romanzi riferisce quindi di aver affidato incarico all’avvocato Massimiliano Bruno di Latina, esperto del settore, per elaborare una class action a tutela dei cittadini. “L’azione collettiva è, infatti, un mezzo per ottenere in via giudiziaria il risarcimento del danno subito dai consumatori – dichiara il consigliere – ed in questa situazione, a mio avviso, rappresenta l’unica soluzione per far valere i diritti dei cittadini di Roccagorga. Nei prossimi giorni diffonderò tutte le informazioni in merito per chi volesse aderire con l’auspicio di avere anche il sostegno di queste istituzioni che hanno fallito nel loro compito”.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti