Terracina, “Notte Nazionale del Liceo Classico”: spettacoli, mostre e conferenze a cura degli studenti del Leonardo da Vinci

Anche il Liceo Leonardo da Vinci parteciperà il 12 gennaio alla IV edizione della Notte Nazionale del Liceo Classico, una manifestazione nata dall’iniziativa del Liceo “Gulli e Pennisi” di Acireale (CT) e sostenuta dal Ministero della Pubblica Istruzione, che coinvolge gran parte dei Licei Classici italiani.

L’intento è quello di dimostrare che il curricolo del classico è ancora pieno di vitalità e incarnato da studenti motivati, ricchi di grandi talenti e con abilità e competenze che oltrepassano di gran lunga quelle richieste a scuola, ma che su di queste si innervano e si fondano.

Tanti e interessanti sono gli spettacoli, le attività, le conferenze e le mostre previste per tutta la serata del 12 gennaio prossimo dalle 18.00 alle 24.00.
L’invito a partecipare all’iniziativa è rivolto non solo agli studenti delle scuole medie e ai loro genitori, ma anche a tutta la comunità cittadina e dei paesi limitrofi. Chiunque verrà a visitare l’istituto e ad assistere alle attività sarà accolto da docenti e studenti che presenteranno i locali e i singoli eventi.

Protagonisti assoluti della serata sono proprio gli studenti, che si esibiranno in adattamenti dell’ “Ecuba” di Euripide e dell’ “Amphitruo” di Plauto, che mostreranno la loro capacità dialettica in “Exponi le tue idee”, sostenendo tesi opposte sul tema dello ius soli, che danzeranno, canteranno e faranno da guida a chiunque vorrà visitare la scuola.
Si inizia con la presentazione del libro e del cortometraggio “Il Consiglio d’Egitto e le carte che servono a fare la storia”, realizzati dalla IV A, con cui la classe ha partecipato al concorso di cultura “Leonardo Sciascia”.

Nel corso della serata è inoltre prevista la premiazione dei vincitori della II edizione del Parvum certamen, una gara di traduzione dal Latino per alunni di terza media, a cui hanno partecipato circa 100 studenti.
Conferisce lustro alla manifestazione l’intervento della prof.ssa Manuela Mari, docente di Storia greca presso l’Università degli Studi di Cassino, dal titolo “Perché leggere Erodoto oggi?” sull’attualità dei classici.

Tutti gli ospiti potranno partecipare all’attività di osservazione astronomica nel Planetario dell’istituto curata dall’Associazione pontina di astronomia. Sarà anche visitabile la mostra “Il parco pubblico archeologico-naturalistico “A. Chezzi” di Terracina”, frutto dell’attività di alternanza scuola-lavoro svolta dagli studenti in collaborazione con l’Archeoclub di Terracina. E a fine serata. una dimostrazione corale di come sia possibile divertirsi cantando in Latino e in Greco!

All’organizzazione della manifestazione ha fattivamente contribuito la Pro Loco di Terracina.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti