Urbanistica a Latina, interrogazione di Coluzzi sul dopo annullamento piani: Lbc chiarisca politica e azioni

Matteo Coluzzi

“L’amministrazione comunale di Latina chiarisca attraverso quali politiche e per mezzo di quali strumenti intende ripristinare le condizioni di pianificazione ad oggi in alcun modo vigenti a seguito dell’annullamento dei Piani particolareggiati”. Lo chiede Matteo Coluzzi, consigliere comunale, nell’interrogazione che sarà presentata dopodomani, 18 gennaio 2018, al Question Time, rivolta al sindaco e alla giunta.

Il giovane esponente di opposizione mette il dito su un argomento particolarmente delicato per la città, che paga lo scotto di una scorretta gestione dell’urbanistica finita nelle inchieste giudiziarie e nell’annullamento, due anni fa, di sei piani particolareggiati ritenuti illegittimi, e particolarmente spinoso per l’attuale amministrazione comunale chiamata a governare Latina anche in questo ambito così complesso sul quale Gianfranco Buttarelli, l’assessore di Latina Bene Comune poi dimessosi a seguito del suo coinvolgimento nell’inchiesta Touchdown, si era espresso in Consiglio il 3 novembre 2016 con una dichiarazione che poi aveva sollevato non poche polemiche: “Portiamo in Consiglio i Ppe annullati da Barbato e approviamo le varianti”. Più preciso il consigliere Coluzzi che nella sua interrogazione riporta espressioni specifiche di Buttarelli tratte dal suo report 2017 di un anno di assessorato all’urbanistica: “L’annullamento dei piani ‘ha prodotto -si leggeva nel report di Buttarelli – un contenzioso amministrativo diffuso, ancora sub iudice che impone all’Amministrazione una scelta impellente sulle modalità di sviluppo della città che non possono prescindere dalla problematica della decadenza dei vincoli imposti dal Piano Regolatore Generale di Piccinato’; l’assessore – scrive Coluzzi – esprimeva la volontà finalizzata al recupero dei medesimi strumenti, ossia ‘tutti i piani in aggiornamento compresi quelli annullati costituiscono un patrimonio conoscitivo’ e che per ‘opzioni progettuali di rilevante importanza, è stata avviata un’attività di rivalutazione tecnico progettuale degli stessi, anche mediante il confronto con i tecnici esterni incaricati'”.

“Attualmente – osserva Coluzzi – l’intero settore edilizio subisce l’incertezza in merito agli obiettivi e gli indirizzi legati alla pianificazione, oltre al totale immobilismo in ambito urbanistico che il Comune di Latina presenta annullando ogni possibilità di sviluppo e di rigenerazione del tessuto urbano su territorio comunale. Per queste ragioni chiedo di sapere dal sindaco o da altro componente della giunta quale sia la definitiva e risolutiva posizione presa dall’ente relativa agli strumenti urbanistici e sulla programmazione legata al ruolo fondamentale che ricopre la pianificazione attuativa nell’ottica di sviluppo e di salvaguarda del territorio comunale”.

Dalle dimissioni di Buttarelli, a dicembre 2017, la delega all’urbanistica non è stata ancora riassegnata. Il sindaco la scorsa settimana, nel corso di un’intervista radiofonica, ha detto che presto avrebbe nominato un assessore all’urbanistica con delega esclusiva, dirottando i Lavori pubblici – anche questi in precedenza assegnati a Buttarelli – nell’assessorato alla Bellezza e manutenzioni retto da Emilio Ranieri. L’interrogazione di Coluzzi è calendarizzata al Question Time del 18 gennaio con inizio alle 9.30.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti