Centrale biometano a Latina Scalo, Ialongo e Miele: l’amministrazione difenda i cittadini

Giovanna Miele e Giorgio Ialongo, in seconda fila Alessandro Calvi, esponenti di Forza Italia nel Consiglio comunale di Latina

Il consiglieri comunali di Latina Giorgio Ialongo e Giovanna Miele di Forza Italia si schierano dalla parte dei cittadini di Latina Scalo, “giustamente preoccupati per la realizzazione di una centrale mista a biogas/biometano a Latina Scalo”.

“Saremo presenti lunedì 29 gennaio – annunciano -, quando il tema sarà affrontato in Commissione Ambiente. Ci auguriamo che sia l’occasione per rassicurare i cittadini circa un intervento del Comune di Latina a loro difesa e tutela”.

“Restiamo basiti dall’autorizzazione arrivata dalla Regione Lazio, e dalla Provincia di Latina che ha concesso l’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) in un territorio dove insistono realtà agricole importanti, non lontano dagli splendidi giardini di Ninfa, e già duramente provato da altri stabilimenti industriali e da centrali a biogas e biomasse già funzionanti”, aggiungono Ialongo e Miele.

“Ancora di più  – continuano – ci stupisce e allo stesso tempo ci incuriosisce il fatto che il sito verrebbe a ricadere sul cosiddetto Sentiero della Bonifica, il progetto di percorso ciclabile che va dal Giardino di Ninfa al Lago di Fogliano”.

“Ci sembra sicuramente un azzardo far sorgere proprio a Latina Scalo un impianto per il trattamento della frazione organica del rifiuto solido urbano. C’è il rischio che si producano cattivi odori nell’aria, senza contare l’incremento del traffico di mezzi pesanti. Noi – concludono i due consiglieri di Forza Italia – ci associamo alle preoccupazioni dei residenti, e ci auguriamo che il Comune di Latina e l’amministrazione non rimangano a guardare e intervengano con tutte le loro forze per scongiurare l’ennesimo impianto che rischia di produrre emissioni e odori che turberebbero i residenti di Latina Scalo e dei paesi limitrofi”

LE VOSTRE OPINIONI

commenti