Latina, uccise la moglie e poi vegliò il cadavere: Cardosi condannato a 20 anni

La palazzina di via Pisacane in cui avvenne il delitto e nel riquadro Ernesto Cardosi
Carla Amici PD Elezioni 2018

Ernesto Cardosi, il poeta 74enne di Latina, è stato condannato a 20 anni di reclusione per l’omicidio della moglie Anna Recalcati, avvenuto il 22 maggio 2016, all’interno della loro abitazione di via Pisacane 33. La sentenza è stata emessa oggi dal Gip Giuseppe Cario al termine del rito abbreviato. Cardosi, dopo aver sparato alla moglie, 69enne gravemente malata, perché come spiegò agli inquirenti in quei terribili giorni non riusciva più a “vederla soffrire”, ne vegliò il corpo per 24 ore fino a quando il figlio della coppia preoccupato per un insolito silenzio chiamò i soccorsi. La donna fu trovata morta e l’uomo sotto choc. Dopo il delitto, Cardosi tentò il suicidio ingerendo una dose massiccia di farmaci.

Anna Recalcati

LE VOSTRE OPINIONI

commenti

Celentano Fratelli d'Italia Elezioni 2018