Neve e freddo, continua l’emergenza in provincia di Latina

Continua l’emergenza neve in provincia di Latina. A Latina il sindaco Damiano Coletta, attraverso ordinanza, consente il prolungamento dell’accensione dei termosifoni nelle scuole fino a 15 ore consecutive fino a diversa comunicazione. A seguito della previsione di calo vertiginoso delle temperature previsto per domani e dopodomani (martedì e mercoledì) il primo cittadino di Sermoneta Claudio Damiano ha firmato l’ordinanza di chiusura di ogni scuola pubblica del territorio di Sermoneta per il 27 e 28 febbraio. Resteranno chiusi al pubblico anche gli uffici comunali del centro storico, mentre resteranno operativi quelli della pianura.

“La chiusura odierna di alcune scuole – precisa il sindaco – avvenuta nel territorio di Sermoneta, è stata decisa senza alcuna ordinanza comunale, né tantomeno attraverso una decisione dell’Istituto Comprensivo, ma si è trattata di una decisione esclusiva dei singoli insegnanti. D’altro canto, non è stata predisposta nessuna ordinanza in quanto non erano previste situazioni di criticità tali da poter determinare la necessità di chiusura delle scuole, né tantomeno si sono verificate nella giornata odierna criticità sensibili alla circolazione stradale. Tant’è che tutti i dipendenti comunali e di altri uffici pubblici hanno regolarmente svolto le proprie attività”.

Ma in altri comuni della provincia di Latina le scuole sono rimaste chiuse per disposizione dei sindaci alla luce della preallerta neve diramata in precedenza dal Centro funzionale regionale.

Dal Comune di Sermoneta fanno sapere che ora tenendo conto della possibile situazione di emergenza, che potrebbe causare disagio ai cittadini nei prossimi due giorni, è stata attivata una Unità Permanente di Crisi del Comune di Sermoneta, così come previsto dal Piano di Protezione Civile, in modo da dare risposte immediate a qualunque eventuale emergenza. È stato attivato un numero di telefono dedicato a cui i cittadini si possono rivolgere dalle 8 alle 20 (348/0924518), mentre dalle 20 alle 8 potranno invece comunicare situazioni di emergenze al numero verde della protezione civile 803.555. Infine, è stata predisposto un intervento di verifica puntuale degli impianti di riscaldamento, idraulici ed elettrici in tutte le scuole ed edifici pubblici, al fine di verificare eventuali malfunzionamenti. I cittadini sono invitati a segnalare eventuali criticità ed emergenze e ad usare la massima prudenza.

Il Comune di Fondi rende noto che il dirigente della Polizia Locale – Protezione Civile Giuseppe Acquaro ha emesso in data odierna un’ordinanza in materia di viabilità per interdire il transito per tutte le categorie di veicoli in alcune zone di rischio colpite maggiormente dalle avverse ed eccezionali condizioni meteorologiche. Il divieto di transito è stato istituito per tutte le categorie di veicoli a far data da oggi, senza limiti di orario e fino a cessate esigenze, salvo rivalutazioni sulla base del monitoraggio dell’evoluzione del fenomeno meteorologico, nelle seguenti strade: Cocuruzzo, Passignano, Sagliutola, Barilone, Querce (da intersezione con via Vetrine), Vardito, Madonna della Rocca, Sant’Agata, Torricella, Vigna. Il provvedimento è stato emesso a seguito della riunione di questa mattina del Centro Operativo Comunale in cui, preso atto della criticità verificatasi nell’ambito del territorio del Comune di Fondi a seguito delle precipitazioni a carattere nevoso dalle prime ore della mattinata che hanno causato forti disagi alla circolazione veicolare, è emersa la necessità di adottare provvedimenti a tutela della sicurezza della circolazione, della pubblica incolumità, nonché interventi per il superamento dell’emergenza e il ripristino delle normali condizioni. Il suddetto divieto non trova applicazione per i residenti e coloro che hanno necessità di accedere alle loro proprietà, purché i veicoli siano muniti di idonei dispositivi antineve. Sono altresì esentati i veicoli in servizi di emergenza e di pubblica utilità. Si rinnova l’invito agli automobilisti ad osservare la massima prudenza, procedendo con estrema cautela ed evitando manovre brusche, accelerate o sterzate improvvise.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti