Gaeta, lancia una bomba carta verso l’abitazione dell’ex compagna: misura cautelare per lo stalker

Emessa dal Gip del Tribunale di Cassino, a carico di un 30enne di Gaeta, una misura cautelare di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati da una giovane donna, sua ex compagna. Vietate anche le comunicazioni. Il provvedimento, già notificato all’interessato, fa seguito alla denuncia della donna e alle risultanze investigative della Polizia di Stato.
La donna si era rivolta al Commissariato di Gaeta, denunciando il 30enne: aveva riferito al personale specializzato nei reati di maltrattamenti in famiglia e stalking di aver subito continui atti persecutori da parte dell’uomo con il quale aveva avuto una relazione affettiva; ha raccontato di aver subito percosse, minacce, ingiurie e lesioni personali in diverse occasioni. L’episodio più grave, l’ultimo in ordine di tempo che ha spinto la vittima ad affidarsi alla Polizia, è riconducibile all’esplosione di una bomba carta nei pressi della sua abitazione. Sottoposta ad uno stato di timore e di ansia per la propria incolumità, la malcapitata ha deciso di lasciare la propria abitazione e di chiedere ospitalità ad un conoscente.

Durante le serrate indagini, la Polizia ha acquisito importanti elementi di prova che hanno consentito al Pubblico Ministero di chiedere al Gip, ottenendola, una idonea ed urgente misura cautelare.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti